Stop plastiche in mare: alleanza pescatori di 22 Paesi Med

Un'alleanza tra i pescatori dei 22 Paesi del bacino Mediterraneo per liberare il mare dalle plastiche

MeteoWeb

Un’alleanza tra i pescatori dei 22 Paesi del bacino Mediterraneo per liberare il mare dalle plastiche. E’ l’obiettivo del Manifesto promosso da Federpesca in collaborazione con Seeds&Chips, che verra’ presentato il prossimo 6 maggio a Milano in occasione della prima giornata del Global Food Innovation Summit.

“Vogliamo diffondere la centralita’ del ruolo del pescatore prevista nel ddl Salvamare contro l’inquinamento da plastica a tutti i Paesi che si affacciano nel Mediterraneo”, anticipa all’ANSA il presidente di Federpesca, Luigi Giannini. Sara’, infatti, permesso ai pescatori di portare a terra la plastica accidentalmente finita nelle loro reti, senza doversi sobbarcarsi costi di smaltimento. Insomma fare in modo che tutti i pescatori del Mediterraneo diventino ‘spazzini’ del mare”. Del resto, aggiunge Giannini, “la plastica in mare, uno dei piu’ grandi scempi ambientali, ‘naviga’ in superficie e nei fondali e non si ferma certo al confine di un paese. Per questo occorre unirsi per vincere questa battaglia di civilita'”.

Sensibilizzazione e mobilitazione generale sono le parole d’ordine del Manifesto intitolato “Humans of Mediterranean – La generazione che ha curato il mare” che Federpesca sta presentando in questi giorni ad associazioni del settore nei 22 Paesi, enti di partenariato economico e sociale e dell’Unione Europea. Cinque gli articoli del Manifesto dove si chiede ai governi di dare gli strumenti legislativi e le risorse per curare il mare, liberarlo dai rifiuti e tutelarlo attraverso un modello di sviluppo circolare in grado di creare valore condiviso. “Possiamo dimostrare che un’azione congiunta per la tutela del Mediterraneo – si legge nell’ultimo articolo del Manifesto – porti benessere e crescita economica diffusa in modo sostenibile, arricchisca tutti e sia un argine significativo al cambiamento climatico”.