Vitamina D e calcio: assumerli in eccesso può portare alla morte, lo studio

Dalla carenza all'eccesso: assumere troppa Vitamina D e calcio può portare alla morte: ecco lo studio

MeteoWeb

Gli integratori fanno realmente bene alla salute? La questione è controversa: se da un lato permettono di assumere tutti quei nutrienti che con l’alimentazione è difficile ottenere, dall’altro potrebbero avere dei rischi da non sottovalutare. Lo rivela una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica ‘Annals of Internal Medicine’ e riportata sul ‘Telegraph’ online.

Sembra infatti che assumere in grandi quantità integratori di calcio potrebbe raddoppiare il rischio di morire di cancro, mentre se tale nutriente viene assunto mediante l’alimentazione il rischio risulterebbe azzerato. Analoga situazione per la vitamina D che, se assunta in eccesso mediante integratori può portare alla morte per qualsiasi causa. Lo studio ha osservato e analizzato i dati clinici di 27mila adulti e ha rilevato una possibile correlazione tra le alte dosi di integratori di calcio e la comparsa del tumore negli anni successivi.

Dall’analisi è stato inoltre rilevato anche alcune sostanze nutritive presenti nei cibi erano generalmente collegate a un minor rischio di morte per cancro e per tutte le cause, tuttavia gli integratori delle stesse sostanze non avevano analogo risultato. Tornando al calcio, secondo gli esperti i malati di cancro potrebbero essere dunque messi più in pericolo assumendo dosi del supplemento superiori a 1.000 milligrammi al giorno. Il dato che ha portato gli autori del lavoro a questa conclusione è che dopo più di 12 anni di follow-up ci sono state circa 24 morti correlate al cancro per 1.000 persone l’anno rispetto ai 12 decessi registrati fra i non utilizzatori di supplementi di calcio.

“E’ importante capire il ruolo che la sostanza nutritiva e la sua fonte potrebbero avere nei risultati di Salute – sottolinea lo scienziato principale dello studio, Fang Fang Zhang della statunitense Tufts University – in particolare se l’effetto potrebbe non essere vantaggioso. I nostri risultati supportano l’idea che, mentre l’integratore contribuisce ad aumentare il livello totale di un nutriente assunto, per gli alimenti ci sono associazioni benefiche con sostanze nutritive che non si hanno con gli integratori”.

Nel dettaglio gli scienziati hanno osservato che un consumo adeguato di vitamine A e K, oltre a magnesio e zinco, riduce il rischio di morte, risultato che si associa solo ai nutrienti nel cibo e non agli integratori. Mentre alti livelli di assunzione di calcio attraverso gli integratori sono associati a un maggior rischio di morte oncologica. Il consumo non necessario di supplementi di vitamina D da parte di persone non carenti, infine, potrebbe aumentare il rischio di morte per qualsiasi causa.