Alimentare, Agrocepi: filiere ortofrutticole unite per il Made in Italy

AGROCEPI Federazione Nazionale Agroalimentare ha presentato oggi al Macfrut, la Fiera internazionale dell’ortofrutta in corso a Rimini giunta quest’anno alla 36esima edizione, la conferenza pubblica “Le nostre filiere dell’ortofrutta per il Made in Italy – Energie & Benessere”,

MeteoWeb

AGROCEPI Federazione Nazionale Agroalimentare ha presentato oggi al Macfrut, la Fiera internazionale dell’ortofrutta in corso a Rimini giunta quest’anno alla 36esima edizione, la conferenza pubblica “Le nostre filiere dell’ortofrutta per il Made in Italy – Energie & Benessere”, convegno in cui sono stati illustrati i due progetti di filiera che Agrocepi, a seguito di un bando del Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, promuove al Macfrut 2019: Ortofrutta e Frutta in guscio.

Il primo ha come obiettivo quello di creare il PANIERE DELL’ORTOFRUTTA, con apposita certificazione, per una nuova offerta integrata sui mercati e mettere insieme 22 aziende di 8 regioni italiane con un programma di investimenti pari a 45 milioni di euro finanziati dal Mipaaft. Il secondo – frutta in guscio – ha fra i propri obiettivi un PATTO TRA PRODUTTORI E TRASFORMATORI per valorizzare le produzioni di mandorle e nocciole essenzialmente con livelli di alta qualità e prevede un investimento di circa 20 milioni con 10 aziende di vari territori. Il comune denominatore delle due filiere è dato dalla strategia di promuovere il Made in Italy su tutti i mercati nazionali ed esteri.

L’idea è quella che per dare valore aggiunto alle produzioni italiane serva un forte connubio tra mondo agricolo, della trasformazione, dei consumatori e delle istituzioni, a partire anche dalle Banche. Alla conferenza erano infatti presenti numerosi rappresentanti di diversi settori: oltre a Renzo Piraccini (Presidente Ente Fiere Cesena), Christian Vocaturi (Vicepresidente Nazionale Agrocepi) e Corrado Martinangelo (Presidente Nazionale Agrocepi), hanno dato il loro contributo esponenti di UNAPROA (Unione Nazionale tra le Organizzazioni dei Produttori Ortofrutticoli, Agrumari e di Frutta in Guscio), di Italia Ortofrutta, di Rete Innovazione Agricola, Consorzio O.P. Pomez, Rete Benessere in Guscio, Gambero Rosso, ICCREA Banca, Monte dei Paschi di Siena e Tirreno Fruit. Sono intervenuti, inoltre: Rolando Marciano (Presidente Nazionale Cepi), Dino Cimaglia (Segretario Generale Unione Nazionale Consumatori), Igino Cecchetti (direttore commerciale Gruppo De Lucia) e Alessandro Apolito (Dirigente Mipaaft). Per le conclusioni finali è stato interpellato l’On. Filippo Gallinella (Presidente Commissione Agricoltura Camera dei Deputati). La discussione è stata moderata dal giornalista e massmediologo Klaus Davi.

Il convegno, nato sotto il marchio #iostoconilmadeinitaly creato proprio da Klaus Davi e dall’On. Gallinella, ha presentato anche un’altra grande novità: Agrocepi lancerà la campagna #lostareinsieme patrimonio Unesco, al fine di far diventare l’aggregazione tra le imprese patrimonio mondiale dell’umanità.

Così in un Comunicato