Maltempo Friuli Venezia Giulia, la Regione: “Con l’ok per Pordenone via a interventi Nocello”

Pordenone e i Comuni interessati dai danni causati dal Maltempo nell'area del Noncello possono approvare le convenzioni che saranno successivamente sottoscritte con la Regione per avviare i lavori di ripristino

MeteoWeb

Pordenone e i Comuni interessati dai danni causati dal Maltempo nell’area del Noncello possono approvare le convenzioni che saranno successivamente sottoscritte con la Regione per avviare i lavori di ripristino. Lo ha confermato il vicegovernatore con delega alla Protezione civile, Riccardo Riccardi, sottolineando la necessita’ di rispettare l’iter procedurale per l’avvio di lavori pubblici legati all’incolumita’ delle persone e la sicurezza del territorio.

Il dipartimento nazionale della Protezione civile – ricorda la Regione – ha richiesto l’invio del piano degli interventi da finanziare nell’ambito delle risorse di cui all’art. 24 quater del Decreto Legge 23 ottobre 2018 n. 136: per caratteristiche ed entita’ gli interventi sul fiume Noncello erano stati inseriti all’interno di questo capitolo. L’11 aprile Riccardi, in qualita’ di soggetto attuatore, aveva inviato la lista degli oltre 200 interventi, definita sulla base delle priorita’ di urgenza e importanza, per un importo complessivo di 73 milioni, comprensiva dell’intervento in questione, la cui entita’ ammonta a 200.000 euro.

Il 7 maggio, con recapito effettivo all’ufficio di supporto del commissario l’8 maggio, il dipartimento nazionale della Protezione civile ha comunicato l’avvenuta approvazione del piano senza prescrizioni e ieri il soggetto attuatore ha decretato l’approvazione degli schemi di convenzione con i 59 enti avvalsi (tra i quali il comune di Pordenone) e ha inviato a mezzo pec lo schema di convenzione per l’approvazione a ciascuno dei 59 enti. Il Comune di Pordenone – spiega quindi la Regione – deve ora approvare con propria delibera di Giunta lo schema di convenzione per poi poterla sottoscrivere, dando cosi’ modo agli interventi di diventare operativi.