Maltempo Veneto, Arpav: temperature massime in picchiata di 10 gradi

A distanza di una settimana si sono verificati due episodi di Maltempo particolarmente anomali per il periodo: lo sottolinea l'Arpav, rilevando che tra sabato e domenica scorsi le piogge più estese hanno riguardato le zone prealpine e la pianura centro settentrionale

MeteoWeb

A distanza di una settimana si sono verificati due episodi di Maltempo particolarmente anomali per il periodo: lo sottolinea l’Arpav, rilevando che tra sabato e domenica scorsi le piogge più estese hanno riguardato le zone prealpine e la pianura centro settentrionale, con valori in molte zone compresi tra 50 e 80 mm in 48 ore.

I massimi sono stati registrati sulle Prealpi Vicentine (93 mm a Rifugio la Guardia), sui Lessini (89.6 mm a Grezzana), sull’Alto Veneziano (81.2 mm a Bibione), sull’Alpago (79.8 mm a San Martino d’Alpago). In alcune fasi ci sono stati temporali, localmente anche abbastanza forti. Sabato il limite delle nevicate e’ stato intorno a 1800-1900 metri, localmente fino a 1600 in corrispondenza dei rovesci più intensi e in serata si è abbassato facendo scendere la neve fino a 700-800 metri.

Nella giornata di domenica le temperature massime sono state molto inferiori alla norma del periodo, in genere di circa 10 gradi. Da oggi e fino alla prima parte di mercoledì 8 il tempo sarà in prevalenza stabile con cielo sereno o poco nuvoloso. Le temperature massime saranno in aumento anche marcato lunedì, più contenuto martedì, ma risulteranno comunque ancora inferiori alla media del periodo.

Le temperature minime saranno in diminuzione nella notte tra lunedi’ e martedi’, con valori molto inferiori alla media, per poi aumentare nella notte successiva. Dal pomeriggio di mercoledì è previsto un nuovo moderato peggioramento, per l’approfondimento sulla Francia di una depressione che apporterà correnti umide in quota da Sud-Ovest con conseguente aumento della probabilità di precipitazioni.