WWF: il 19 Maggio una Domenica in natura, tra cavalieri d’Italia, rapaci e volpi

Domenica 19 maggio torna la Giornata delle Oasi WWF, una domenica di eventi ed iniziative speciali, una vera e propria festa della natura rivolta al grande pubblico

MeteoWeb

Domenica 19 maggio torna la Giornata delle Oasi WWF, una domenica di eventi ed iniziative speciali, una vera e propria festa della natura rivolta al grande pubblico.

Le Oasi del WWF (la prima fu Burano, nata nel 1967) hanno introdotto milioni di adulti e bambini alla conoscenza della natura, sono state un insostituibile argine a degrado, cemento e caccia, hanno favorito e stimolato la ricerca scientifica. Ma, soprattutto, il successo delle 100 Oasi si misura con le specie che il WWF è riuscito a salvare dall’estinzione. Proprio in questi giorni 3 pulcini di falco pescatore sono nati nel nido appositamente predisposto dal WWF nell’Oasi toscana della Laguna di Orbetello.

45590 UN SMS PER L’ORSO MARSICANO. Le Oasi WWF si sono dimostrate in questi 50 anni baluardi insostituibili per le specie animali e vegetali più minacciate, dalla lontra al cervo sardo, alle tantissime specie di uccelli acquatici. Ecco perché fino a domenica 19 maggio è attivo l’SMS solidale 45590 per sostenere il Progetto WWF Natura d’Italia. Il progetto avrà un focus d’azione per affrontare la maggiore emergenza per la biodiversità italiana: la salvezza dell’Orso bruno marsicano (Ursus arctos marsicanus). Siamo, infatti, custodi di una sottospecie che vive (con appena 50 individui) solo nelle montagne dell’Italia centrale e che rischia di estinguersi se non si mettono in campo azioni urgenti per incrementare ed espandere la sua popolazione, gestire i conflitti e fermare il bracconaggio. Il WWF ricorda che l’Italia ha pochi eguali in Europa in fatto di ricchezza di fauna e flora, con oltre 57.000 specie animali (1.255 i vertebrati) e circa 8.000 vegetali.

I PROGRAMMI DI DOMENICA 19 MAGGIO

ABRUZZO. Sarà una giornata speciale per l’Oasi WWF Gole del Sagittario ad Anversa degli Abruzzi, dove dalla mattinata si potranno scoprire il fiume e le zone umide e si proseguirà con il “Gioco dell’orso”, specie simbolo di questo luogo, e altri laboratori. Nel corso di tutta la giornata sarà possibile assistere alla realizzazione di un’opera artistica a cura dell’artista naturalista Marco Preziosi e alla realizzazione di sculture in legno.

SARDEGNA. In programma escursioni, laboratori, attività sportive (tiro con l’arco) e liberazione di rapaci assieme ai Forestali all’Oasi WWF di Monte Arcosu di Cagliari.

LOMBARDIA. A Valpredina in programma bioblitz, iniziative per i bambini e, nel pomeriggio, liberazione di rapaci curati nel CRAS WWF. Escursioni e visite guidate al Bosco WWF di Vanzago, a cui si aggiungeranno iniziative come giochi da tavola, illustrazioni delle tecniche per la realizzazione di stagni e anche una mostra fotografica.

All’Oasi Le Bine, si potrà assistere all’inanellamento di alcuni uccelli a scopo scientifico, conoscere i percorsi dell’oasi con alcuni esperti, ma anche scoprire gli abitanti degli stagni e, grazie ai ragazzi dell’alternanza scuola lavoro, monitorare i sirfidi: insetti impollinatori che si mimetizzano fra api e vespe.

EMILIA ROMAGNA. Un 19 maggio dedicato alle zone umide anche per l’Oasi WWF di Marmirolo a Reggio Emilia con visite guidate e la presentazione del progetto “Stagno Didattico e sua realizzazione: semplici istruzioni per costruire un piccolo scrigno di biodiversità”.

MARCHE. All’Oasi Ripa Bianca di Jesi si festeggia la natura, alla scoperta di zone umide, ma anche esplorando il mondo dei rettili, in particolare i serpenti. Nel pomeriggio si terrà una caccia al tesoro per conoscere la natura divertendosi e il laboratorio per bambini su “La magia dell’argilla”, che viene dal fiume.

FRIULI VENEZIA GIULIA. Per festeggiare la giornata delle Oasi, il Biodiversitario Marino dell’Area Marina Protetta Miramare di Trieste ospiterà gratuitamente il pubblico dalle 10 alle 18, con percorsi alla scoperta della biodivesità guidati dallo staff e un corner dedicato alle praterie marine e agli interventi per il loro ripristino, condotti dall’AMP Miramare nel progetto ROC POP LIFE.

LAZIO. Nell’Oasi di Lago Secco (Rieti) visita guidata attraverso il bosco del Pannicaro fino a giungere all’Oasi dove si potranno osservare le specie anfibie presenti. All’Oasi di Macchiagrande, fra Fiumicino e Fregene, tanti laboratori per i più piccoli su piante e per scoprile le impronte degli animali che abitano l’oasi. Si potrà ancora visitare, poi, la suggestiva mostra dedicata ai “Dinosauri in carne e ossa”.

CAMPANIA. Il faro di Capo d’Orso a Maiori, in costiera amalfitana, che il WWF ha avuto in gestione grazie alla vittoria in un bando pubblico, verrà aperto al pubblico per la prima volta. Nell’Oasi del Cratere degli Astroni a Napoli-Agnano, dove continua la mostra “Dinosauri in carne e Ossa”, tante iniziative per i più giovani, dai laboratori per bambini agli spettacoli teatrali, ai laboratori di fumetto. I volontari del WWF Sannio e lo staff dell’Oasi “Montagna di Sopra” a Pannarano, in provincia di Benevento, organizzano una visita guidata, che proseguirà con esposizioni artistiche, laboratori di tornitura del legno.

PUGLIA. A Le Cesine, in provincia di Lecce, laboratori creativi, mercatini bio e “handmade”, ma anche un incontro su “Il mondo delle api”.

TOSCANA. Nelle Oasi storiche del WWF in provincia di Grosseto (Burano e Orbetello), iniziative di citizen science, laboratori per ragazzi, biowatching e “focus spiaggia”. Nell’Oasi Stagni di Focognano, vicino Firenze, Grande ‘viaggio dentro al progetto’ che ha cambiato radicalmente il volto del centro della Piana Fiorentina, realizzando un’incredibile Oasi naturalistica. Visite tra stagni, lagune e acquitrini.

BASILICATA. A Policoro, in occasione della giornata delle Oasi, tornerà libera Cristina, la tartaruga marina Caretta caretta; si terranno corsi di formazione, fra cui quello per docenti su “Generazione mare”, incontri con produttori bio per la campagna #StopPesticidi e si potrà approfondire il progetto tartarughe, con la mostra e la visita al Centro Recupero Animali selvatici.

UMBRIA. Visite libere per tutta la giornata e laboratori su come si costruisce uno stagno e sull’importanza degli insetti impollinatori, con sistemazione di una casetta nido e di piante nettarifere nel nuovo giardino degli insetti, all’Oasi WWF Lago di Alviano.

SICILIA. A Mazara Del Vallo, dalla mattina è prevista un’escursione guidata lungo i sentieri della Riserva Naturale Integrale. A Lago Preola e Gorghi Tondi (Mazara, Trapani) visite guidate lungo i sentieri della riserva e giornata dedicata alle piccole zone umide.

MOLISE. Appuntamento con l’Oasi di Guardiaregia Campochiaro, con visite guidate alla scoperta delle piante officinali, liberazione di rapaci, osservazioni nell’area faunistica del cervo. Per l’occasione si parlerà del Parco Nazionale del Matese.

Programmi completi su wwf.it/oasi

OASI WWF PER LE ZONE UMIDE

One Million Ponds 1.000 – Piccole Zone Umide, la campagna WWF dedicata alle piccole zone umide sarà protagonista anche il 19 maggio in occasione della Giornata Oasi WWF. Tante le attività in programma, tra cui spiccano le iniziative di citizen science,  per conoscere storia e natura dei nostri piccoli stagni e fontanili.

In particolare si potrà:

Osservare “la realizzazione di una piccola zona umida” per poterla replicare anche nel proprio giardino. Preziosi ambienti scrigni di biodiversità in 12 Oasi WWF: Calanchi di Atri (TE); Oasi dei Ghirardi (PR); Marmirolo (RE); Oasi Fluviale Molino Grande; Ca’ Brigida (RN); le Bine (MN); Riserva di Ripa Bianca (AN); Dune Forte dei Marmi (LU); Parco didattico dei Ronchi (MS); Stagni di Focognano (FI); Lago di Alviano (TR); Cave di Noale (VE).

Partecipare “alla scoperta delle zone umide del nostro territorio” visite ed escursioni alla scoperta di piccole zone umide in 22 Oasi WWF e aree limitrofe: Oasi Lago di Serranella (CH), Gole del Sagittario (AQ), Calanchi di Atri (TE), Bosco di Policoro (MT); Marmirolo (RE), Oasi Fluviale del Molino Grande (BO), Garzaia di Codigoro (FE),Miramare (TS), Lago Secco (RI), Lerrone Valloni (SV), Il Caloggio (MI), Montorfano – Levandina (MI), San Giuliano Milanese Oasi del Municipio (MI), Valpredina(BG), Cremona Acquario del Po’ (CR),Riserva di Ripa Bianca (AN), Dune Forte dei Marmi (LU), Parco Didattico dei Ronchi (MS), Stagni di Focognano (FI), Stagni Casale (VI), Cave di Noale (VE), Boj della Ferriana (RO).

Scoprire “la biodiversita’ delle piccole zone umide”, laboratori didattici alla scoperta delle piccole forme di vita, censimenti di flora e fauna, attività di citizen science e Bioblitz (in 18 Oasi WWF e aree limitrofe:  Lago di Serranella (CH), Bosco di Policoro (MT), Ghirardi (PR),Oasi Fluviale del Molino Grande (BO), Le Foppe di Trezzo (MI), Le Bine (MN), Valpredina (BG), Lodigiano Pavese-Parco della Collina di San Colombano (LO), Riserva di Ripa Bianca (AN), Palude La Vela (TA), Lago Preola Gorghi Tondi -Mazara del Vallo (TP), Bosco del Bottaccio (LU), Dune Forte dei Marmi (MS), Parco dei Ronchi (MS), Lago di Alviano (TR), Cave di Noale (VE), Stagni di Casale (VI), Golena di Panarella e Isola del Balutin (RO).

Collaborare alla “salvaguardia delle piccole zone umide” con pulizie, manutenzione delle piccole zone umide dai rifiuti: in 7 Oasi WWF e aree limitrofe: Bosco di Policoro (MT), San Giuliano Milanese Oasi del Municipio (MI), Levadina (MI), Le Foppe di Trezzo (MI), Palude La Vela (TA), Lecco Prà Pozzetto Monte Barro (LC), Bosco del Bottaccio (LU).

OASI WWF PER LE SCUOLE

Le Oasi del WWF sono aule a cielo aperto, dove ogni anno migliaia di studenti possono conoscere da vicino la biodiversità anche attraverso la partecipazione a laboratori didattici ed esperienze a contatto con la natura previste nelle aree protette dell’Associazione. Ma accrescere la conoscenza degli studenti rispetto le grandi tematiche ambientali mettendo anche in luce il valore di gesti quotidiani, è un impegno che il WWF porta avanti tutto l’anno anche all’interno degli istituti scolastici. Ed è proprio in occasione di Giornata Oasi 2019 che il WWF mette gratuitamente a disposizione delle scuole del primo ciclo di istruzione il nuovo materiale educativo del progetto Mi Curo di Te: il gesto di ognuno per il Pianeta di tutti. La nuova edizione del programma digitale creato dal WWF con il supporto di Sofidel, l’azienda cartaria nota in Italia per il marchio Regina, rilancia i temi già affrontati nelle annualità precedenti (acqua dolce, clima e foreste) inserendoli nell’importante cornice dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. In questi anni migliaia di classi hanno aderito a Mi Curo di Te, approfondendo tematiche ambientali di primaria importanza e mettendosi in gioco per valutare quanto appreso attraverso la partecipazione al quiz annuale con in palio i premi messi a disposizione da Sofidel.

Quest’anno i docenti potranno anche ricevere informazioni su 9 dei 7 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, trovando spunti interessanti per le attività didattiche da sviluppare nel corso del prossimo anno scolastico. Grazie al supporto di Sofidel, che anche quest’anno ha scelto di supportare il progetto didattico, i docenti che si iscriveranno a Mi Curo di Te sul sito dedicato www.educazionedigitale.it/wwfpotranno inoltre accedere alla formazione a distanza (FAD) grazie alla lezione digitale gratuita prevista in questa nuova edizione del progetto.