Appello dei premi Nobel: “L’Ue non abbandoni la fotonica”

Inserire la fotonica tra le priorità chiave di Horizon 2020, il programma di finanziamento Ue per la ricerca e lo sviluppo tecnologico, per salvaguardare la competitività dell'Europa nelle nuove tecnologie

MeteoWeb

Inserire la fotonica tra le priorità chiave di Horizon 2020, il programma di finanziamento Ue per la ricerca e lo sviluppo tecnologico, per salvaguardare la competitività dell’Europa nelle nuove tecnologie. E’ l’appello contenuto in una lettera aperta di tre premi Nobel di Francia e Germania alla Commissione Ue per scongiurare il taglio delle “ambizioni digitali e il futuro di aeronautica, sicurezza, MedTech, e tlc” dell’Ue. Gli scienziati – Gèrard Mourou, Nobel per la fisica 2018, Stefan W. Hell, Nobel per la chimica 2014, e Theodor W. Haensch, Nobel per la fisica nel 2005 – chiedono a Bruxelles di riconsiderare l’attuale progetto di programmazione su industria e digitale nel futuro di Horizon, comprendendo la fotonica come decima priorita’.

“La fotonica è alla base dei progressi non ancora scoperti in molti settori, tra cui salute, spazio, mobilità e sicurezza”, scrivono i tre insigniti. “Il partenariato pubblico-privato Photonics 21″, compreso nell’attuale programma Horizon 2020, “è stato giudicato il migliore nella sua categoria e un modello per futuri partenariati europei”, ha spiegato Carlos Lee, direttore generale del Consorzio Ue dell’industria fotonica (Epic), avvertendo che se la Commissione abbandonerà questa priorità “gettera’ via le sue possibilità di guidare il mondo nella tecnologia del futuro”.