Incendi Amazzonia, al via il decreto Bolsonaro: vietato appiccare il fuoco per 2 mesi

Prosegue l'allerta incendi in Amazzonia, dove i roghi hanno causato ingenti danni a tutto l'ecosistema del territorio e conseguenze che potrebbero avere delle proporzioni globali

MeteoWeb

Prosegue l’allerta incendi in Amazzonia, dove i roghi hanno interessato una vasta zona del polmone del mondo, causando ingenti danni a tutto l’ecosistema del territorio e conseguenze che potrebbero avere delle proporzioni globali. Da gennaio ad oggi in Brasile si sono contati 83.329 roghi, più della metà di questi (52,1%) nella foresta pluviale amazzonica, stando ai dati forniti dallo Space Observation Institute.  Il presidente Jair Bolsonaro ha firmato un decreto che proibisce i disboscamenti in tutto il Brasile.  Il divieto sarà in vigore per due mesi ed ha l’obiettivo di cercare di fermare la moltiplicazione degli incendi in Amazzonia.

Il decreto in sostanza prevede il divieto di appiccare il fuoco per i prossimi 60 giorni in tutto il territorio nazionale – hanno affermato fonti governative citate da diversi media brasiliani. La combustione controllata è consentita dal Codice forestale brasiliano in determinate circostanze (come le pratiche agricole e forestali in cui il suo uso è giustificato), a condizione che siano autorizzate dalle competenti agenzie di controllo.

La decisione di Bolsonaro arriva in seguito ad una crescente pressione interna ed internazionale da quando l’Amazzonia è stata devastata dagli incendi. L’ aumento dei roghi è pari al 77% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e rappresenta un record di incendi dal 2010. Il governo, che assicura che i focolai stiano diminuendo, ha dispiegato oltre 3.900 soldati, centinaia di veicoli militari e 18 aerei, tra cui due petroliere Hercules C-130, per controllare le fiamme.

Alleanze contro gli incendi: “Un milione di dollari contro gli incendi in Bolivia”

Il presidente della Bolivia, Evo Morales, ha annunciato che l’Alleanza bolivariana per le Americhe (Alba) – il gruppo di cooperazione politica, sociale ed economica tra i paesi dell’America Latina e i Paesi caraibici, promossa dal Venezuela e da Cuba – ha deciso di sostenere con un milione di dollari le azioni per combattere gli incendi che hanno devastato migliaia di ettari di foreste e praterie nella regione boliviana orientale di Santa Cruz.

Parlando con i giornalisti a San Ignacio de Velasco, Morales ha affermato che la somma si aggiunge ai 300 mila dollari gia’ concessi alla Bolivia dalla Development Bank of Latin America – e i 200 mila dollari Inter-American Development Bank, mentre altri 150 mila sono stati messi a diposizione dalle Nazioni Unite. Morales ha aggiunto la decisione di installare un altro comando operativo all’aeroporto di San Ignacio de Velasco, in Chiquitania, per pianificare le attivita’ antincendio nelle aree circostanti.

Quattrocento soldati di altre regioni sono arrivati anche a San Ignacio de Velasco per affrontare gli incendi, come reso noto dal ministero della Difesa in una nota. Gli incendi in Bolivia, iniziati all’inizio del mese, si concentrano in diverse localita’ di Santa Cruz, in particolare in Chiquitania, una zona di transizione tra il Chaco e l’Amazzonia. Morales ha annunciato che ci sara’ una “pausa ecologica” nelle aree colpite, durante la quale non sara’ permesso bruciare praterie e insediamenti umani.