Salute: creati mini-fegati umani per studiare malattie e testare terapie

Studiati mini fegati umani geneticamente modificati: la ricerca deriva da un gruppo di ricercatori della School of Medicine della University of Pittsburgh

MeteoWeb

Studiati mini fegati umani geneticamente modificati per emulare la progressione della steatosi epatica non alcolica (Nafld) e per testare le terapie: la ricerca deriva da un gruppo di ricercatori della School of Medicine della University of Pittsburgh ed è stata pubblicata sulla rivista Cell Metabolism.

I ricercatori hanno spiegato come sono riusciti a trasformare cellule umane geneticamente modificate in tessuto epatico 3d funzionale per imitare quella malattie epatica, la Nafld, che consiste nell’accumulo di grasso nel fegato, che può portare a cirrosi o persino a insufficienza epatica. Avere a disposizione mini-fegati come quelli creati dai ricercatori americani è importante non solo per capire cosa causa la malattia e come progredisce, ma anche per testare le terapie. E’ infatti comune che i farmaci falliscano negli studi clinici, nonostante i risultati promettenti nei topi.

“I topi non sono umani”, spiega Alejandro Soto-Gutierrez, autore dello studio. “Siamo nati con alcune mutazioni, polimorfismi, che ci predisporranno a determinate malattie, ma non è possibile studiare polimorfismi nei topi, quindi è vantaggioso creare un mini fegato umano personalizzato”, aggiunge. I ricercatori, inoltre, non escludono l’eventualità che questi mini-fegati siano il primo passo per realizzare in futuro fegati umani da trapiantare.