Morta Nadia Toffa: nel dicembre 2017 il malore e il ricovero a Trieste

Nadia Toffa, morta oggi per un tumore, aveva avuto un malore il 2 dicembre 2017 a Trieste, mentre si trovava nella hall dell'hotel Victoria

MeteoWeb

Nadia Toffa, l’amata conduttrice tv de “Le Iene”, morta oggi per un tumore, aveva avuto un malore il 2 dicembre 2017 a Trieste, intorno alle 13:45, mentre si trovava nella hall dell’hotel Victoria. I soccorsi erano stati immediati ed era stata ricoverata in Terapia intensiva dell’ospedale di Cattinara, dove le sue condizioni erano apparse subito gravi. Nella tarda serata era stata trasportata con elisoccorso all’ospedale San Raffaele di Milano.
La conduttrice – scriveva Il Piccolo di Trieste – era stata trovata dai sanitari priva di coscienza e in condizioni gravi, ed era stata trasportata in estrema emergenza al nosocomio triestino, dove era scattato il ricovero in Terapia intensiva. Il primo bollettino medico diramato dall’AsuiTs parlava di prognosi riservata per patologia cerebrale in fase di definizione, il secondo, diffuso in tarda serata, aveva confermato l’avvenuto trasferimento, e definito le condizioni di Nadia “stazionarie” ma gravi.
La notizia del malore aveva fatto immediatamente il giro del web. I colleghi delle Iene avevano scritto su Facebook: “La nostra Nadia non è stata bene. Ci stiamo tutti prendendo cura di lei. Vi terremo informati“.

Nadia ha provato a trasformare il cancro “in un dono, un’occasione, un’opportunità“, aveva scritto nel suo libro “Fiorire d’Inverno”, attirandosi critiche sul web, ma anche tanta vicinanza e il plauso del mondo della scienza per l’invito ai malati a seguire le uniche cure certe, la chemio e la radioterapia.

Nata a Brescia il 10 giugno 1979, dopo il debutto nell’emittenza locale Nadia Toffa era diventata inviata delle Iene nel 2009, partecipando a importanti inchieste sulle truffe ai danni del servizio sanitario nazionale, sulle slot machine, sullo smaltimento del traffico di rifiuti illegali in Campania, sull’Ilva di Taranto, sull’infanzia violata.