Elettrodo stimola il nervo ottico: sarà un aiuto per i non vedenti

Uno speciale elettrodo promette di restituire la vista ai non vedenti: inserito all'interno del nervo ottico, e' in grado di stimolarlo inviando informazioni visive direttamente al cervello, senza passare per l'occhio

MeteoWeb

Uno speciale elettrodo promette di restituire la vista ai non vedenti: inserito all’interno del nervo ottico, e’ in grado di stimolarlo inviando informazioni visive direttamente al cervello, senza passare per l’occhio. Sviluppato tra Italia e Svizzera, dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e dal il Politecnico federale di Losanna (Epfl), e’ stato testato con successo sui conigli: i risultati, pubblicati sulla rivista Nature Biomedical Engineering, potrebbero portare presto a una sperimentazione sull’uomo.

“Da un punto di vista puramente tecnologico, potremmo iniziare i test clinici anche domani“, spiega Diego Ghezzi dell’Epfl. Attualmente l’elettrodo OpticSeline sperimentato sui conigli e’ formato da un fascio di 12 sottilissimi elettrodi, ma nella versione destinata all’uomo ne potrebbe contenere anche fino a 60: un numero ancora troppo limitato per restituire completamente la vista, ma sufficiente a fornire un valido aiuto nello svolgimento delle attivita’ di tutti i giorni.

Crediamo che la stimolazione intraneurale possa essere una valida soluzione per molti dispositivi neuroprostetici mirati al recupero della funzione sensoriale e motoria“, sottolinea Silvestro Micera, che alla Scuola Sant’Anna impiega gia’ questa tecnologia nelle mani artificiali destinate ai pazienti amputati.