Terremoto, la Regione Marche: “Riportare l’attenzione sulla ricostruzione post-sisma”

Si è concluso, con l'ultimo giorno del Meeting di Rimini, il ciclo di incontri presso lo stand delle Marche con i Comuni del Cratere e con le imprese che hanno beneficiato dei bandi emanati dalla Regione grazie ai fondi aggiuntivi dell'Unione Europea per il sisma del 2016

MeteoWeb

Si è concluso, con l’ultimo giorno del Meeting di Rimini, il ciclo di incontri presso lo stand delle Marche con i Comuni del Cratere e con le imprese che hanno beneficiato dei bandi emanati dalla Regione grazie ai fondi aggiuntivi dell’Unione Europea per il sisma del 2016. “L’incontro di sabato scorso, avvenuto proprio nel giorno che ricorda le terribili scosse del 24 agosto 2016, ci ha dato l’occasione -ha affermato l’assessora Bora- per riportare l’attenzione sul tema della ricostruzione che è completamente sparito dal dibattito politico parlamentare”.

“Abbiamo le risorse economiche grazie alla sensibilità della Comunità Europea ed al grande lavoro della Regione Marche -ha continuato l’assessora Bora- ma occorre ancora tanto per coordinare le azioni ai vari livelli di governo. I comuni dell’area del cratere, infatti, hanno oggi più che mai bisogno di risorse umane con le necessarie competenze per gestirei fondi assegnati e realizzare le nuove infrastrutture indispensabili per poter ripartire e scongiurare lo spopolamento delle aree”.

I progetti testimoniano la centralità delle imprese sociali in una visione globale che parte dal dramma del terremoto per ripartire e migliorare, innovando, i servizi offerti alla popolazione. Con questo bando sono previste circa 80 nuove assunzioni di soggetti che saranno impegnati nella realizzazione, nell’area del cratere, dei 19 progetti finanziati.