Protezione civile, Borrelli: “C’è la tecnologia di allerta, usiamola”

"Dobbiamo fare in modo che i sindaci abbiano gli strumenti per far avere ai cittadini le giuste informazioni e poi assisterli in caso di bisogno": ha detto il capo del Dipartimento nazionale di Protezione Civile

MeteoWeb

“Dobbiamo fare in modo che i sindaci abbiano gli strumenti per far avere ai cittadini le giuste informazioni e poi assisterli in caso di bisogno”. Lo ha detto il capo del Dipartimento nazionale di Protezione Civile, Angelo Borrelli, al primo raduno dei sindaci della Protezione civile in Puglia, alla Fiera del Levante di Bari.

“Oggi parliamo di questa nuova piattaforma di allertamento nazionale della popolazione, del ruolo e della responsabilita’ dei sindaci. Credo che nel nostro Paese – ha spiegato Borrelli – non ci sia un soggetto pubblico, un decisore pubblico che non abbia una responsabilita’ cosi’ grande come quella che hanno i sindaci. L’evento di Livorno, delle gole del Raganello, ci hanno imposto una riflessione: se esistono le tecnologie perche’ non usarle anche per allertare la popolazione? Stiamo lavorando su questo anche con le Protezioni civili regionali”.

Borrelli ha poi fatto un accenno alla ‘pianificazione’ della Protezione civile: “E’ opportuno che i sindaci – ha detto – facciano in modo che nei propri territori ci siano piani di Protezione civile aggiornati, perche’ solo con una pianificazione preventiva si riesce a limitare gli effetti degli eventi calamitosi”.