Perché bere acqua e limone al mattino? Ecco cosa succede al corpo

Acqua e limone: una bevanda dai mille benefici ma con qualche controindicazione. Ecco chi può assumere la bevanda, come e perché

MeteoWeb

Perché bere acqua e limone al mattino? Quali sono i benefici? Ci sono controindicazioni? Quali effetti ha questa bevanda sul nostro organismo?

Partiamo dall’agrume: il limone è un frutto particolarmente ricco di importanti nutrienti, contiene una buona dose di acido citrico, citrati di calcio e potassio, sali minerali, oligoelementi quali ferro, fosforo, manganese, rame, vitamine del gruppo B, B1, B3, A e C, e carotene.
Possiede proprietà antibatteriche, antisettiche e antitossiche, ed è particolarmente utile per difese immunitarie, favorire le secrezioni gastroepatiche, favorisce fenomeni di alcalinizzazione l’organismo, stimolare la diuresi, tonificare tutto l’organismo.
Particolarmente importante è proprio l’alcalinizzazione, che avviene grazie agli acidi che sono presenti nel succo e nel nostro organismo sono sottoposti ad una reazione basica: i sali si ossidano e si formano carbonati e bicarbonati di calcio e potassio che favoriscono l’effetto alcalinizzante nel sangue.

Dunque, per ottenere un buon risultato e i migliori benefici di questa bevanda, non basta preparare un bicchiere di acqua e spremere un po’ di limone. Ci sono delle regole ben precise da seguire: per prima cosa bisogna bere acqua e limone appena svegli e a digiuno. L’acqua deve essere tiepida, mai bollente, ed è necessario il succo di un limone spremuto al momento. In seguito, dopo circa una decina di minuti si può fare normalmente colazione e si può bere anche il caffè.

La bevanda va bevuta subito, è preferibile che il limone sia maturo e meglio se biologico, non trattato con pesticidi o sostanze chimiche, né cere. Se il sapore non risulta gradevole e se è molto forte, si può aggiungere una punta di miele.
Avendo un sapore molto forte e deciso, chi proprio non riesce a bere la bevanda può iniziare con 3 cucchiaini di limone in una tazza d’acqua, per poi abituarsi e integrare col tempo l’intero succo contenuto nel frutto.

E’ importante non abusare di questa bevanda, può essere utile durante i cambi di stagione, e dunque la si beve a periodi alterni. Quando le nostre difese immunitarie sembrano a terra o ci sentiamo stanchi e stressati possiamo bere acqua e limone ogni 2 giorni; se abbiamo mangiato e bevuto troppo, o ci sentiamo gonfi, potremo berla per 3 giorni; se invece non abbiamo nessun problema e vogliamo provare a bere questa bevanda dalle incredibili proprietà si può bere tutte le mattine per una settimana al mese.

Acqua calda e limone: perché assumerla

E’ il succo di limone ad avere il ruolo di protagonista: svolge, grazie ai suoi acidi, un’azione alcalinizzante, mantiene cioè il PH del corpo alcalino, preservando la nostra buona salute. L’acqua calda e limone è quindi una bevanda ricca di vitamina C e potassio, utile a rafforzare il nostro sistema immunitario e a controllare la nostra pressione arteriosa. Fondamentale anche per una buona digestione, questa bevanda aiuta il fegato a produrre bile: ne risulterà una digestione più corretta, con riduzione di acidità e bruciori di stomaco. Note sono poi le sue qualità di alleato per il dimagrimento, contenendo il limone una sostanza, la pectina, utile per combattere l’appetito. Accanto a questo, l’acqua calda e limone si è dimostrata anche un portentoso diuretico, adatta a purificare e ad eliminare le tossine.

Sono tantissimi i benefici di questa bevanda: dagli effetti sulla pelle, che risulterà più chiara ed esente da rughe e imperfezioni, a quelli per l’alito, grazie alla sua azione rinfrescante. Ottima anche per alleviare la tosse e favorire la guarigione di infezioni polmonari, pare che la prodigiosa bevanda a base di acqua calda e limone possa aiutarci a fare a meno del caffè. Infine, si tratta di un’ottimo rimedio contro stitichezza e costipazione.

Acqua calda e limone: attenzione alle controindicazioni

Acqua calda e limone sono la base di una bevanda che può donare tanti benefici al nostro organismo: resta da capire se, al di là degli aspetti positivi, si può parlare anche di possibili controindicazioni.

Innanzitutto, perché se ne possano trarre tutti i benefici, è necessario che il limone che utilizziamo sia preferibilmente biologico e maturo, fare quindi attenzione a non utilizzare prodotti con tracce di pesticidi e sostanze chimiche oppure semplice succo di limone già confezionato. Inoltre, ecco un’altra importante precisazione: non bisogna pensare di dover assumere l’acqua calda e limone per tutta la vita, ma soltanto in periodi particolarmente critici. Ad esempio, durante i cambi di stagione, o se ci sentiamo gonfi per via di un’abbuffata.

Per quel che riguarda le controindicazioni, l’acido citrico tipico del limone non è esattamente il miglior alleato dello smalto dentale, che rischia di esserne compromesso. Una possibile soluzione a questo inconveniente potrebbe essere costituita dal bere la bevanda con una cannuccia, per poi risciacquare immediatamente la bocca: in questo modo i denti non dovrebbero subire particolari danneggiamenti. Ancora, è meglio evitare di bere l’acqua calda e limone qualora si soffra di gastrite. In questo caso, tuttavia, la reazione varia da soggetto a soggetto, conviene quindi chiedere consiglio al proprio medico.

Altra possibile controindicazione dell’acqua calda e limone potrebbe essere un’eccessiva minzione: se idratazione e purificazione sono tra i benefici garantiti da questa bevanda, una diuresi eccessiva può addirittura provocare disidratazione. Altre condizioni non esattamente adatte all’assunzione di acqua calda e limone sono il reflusso acido e la gravidanza: in entrambi i casi è preferibile chiedere consiglio al proprio medico.

In ultima analisi, la bevanda a base di acqua calda e limone rappresenta un ottimo alleato naturale della nostra salute, utilissimo in molti casi. L’importante è non abusarne ed evitarla in caso di particolari patologie.


Si tenga presente che le informazioni presenti in questa pagina sono di natura generale e a scopo divulgativo e non sostituiscono in nessun caso il parere del medico, il primo punto di riferimento a cui ricorrere per avere informazioni, chiarimenti, e a cui affidarsi per consigli o esami.