Salute, disturbi di coordinazione: in Italia il 6% dei bimbi con disprassia

Il 6% dei bambini in Sardegna, percentuale che rispecchia quella nazionale, è affetto da disprassia, un disturbo del neurosviluppo e della coordinazione motoria

MeteoWeb

Il 6% dei bambini in Sardegna, percentuale che rispecchia quella nazionale, e’ affetto da disprassia, un disturbo del neurosviluppo e della coordinazione motoria nell’eta’ evolutiva. Nel 4% dei casi sul 6% del totale si tratta di maschi. La disprassia comporta disagi nella gestione dei movimenti nelle attivita’ quotidiane come, ad esempio, vestirsi o svestirsi, e nel compiere gesti espressivi per comunicare un’emozione o uno stato d’animo.

“Di solito ci si rende conto che il bambino ha la disprassia quando inizia a frequentare la scuola elementare. Quando sono piu’ piccoli si tende a giustificarli, pensando che siano pigri. Ma i bambini non nascono e non sono pigri”, spiega Elena Spigno, presidente dell’associazione ‘Per Piccoli Passi Sardegna’, che stamane a Cagliari ha promosso un convegno su questo disturbo dell’eta’ evolutiva, sostenuto dall’assessore regionale alla Sanita’, Mario Nieddu. “In realta’, il disturbo potrebbe essere riconosciuto gia’ a partire dai primi tre mesi. Un bambino che non riesce a prendere il latte dalla mamma o dal biberon, ha un problema di suzione”.

Il primo modo in cui si puo’ intervenire, secondo Spigno, e’ “far percorrere al bambino le tappe motorie, stimolandolo, lavorando con lui sul movimento”. “Se il bimbo ha un disturbo di coordinazione motoria, nel 99% dei casi non rotola, non striscia e non gattona”, precisa la presidente dell’associazione. “Se acceleriamo il movimento dei neuroni, e’ tutto molto piu’ semplice per il bambino perche’ iniziamo ad evitare che abbia piu’ problemi da adulto”. “Dai dati forniti dall’associazione ‘Per piccoli passi Sardegna'”, e’ intervenuto l’assessore Nieddu, “ci siamo resi conto che la disprassia e’ un problema che insiste su una significativa percentuale di bambini”. Nieddu ha, inoltre, annunciato che l’assessorato sosterra’ un progetto di carattere regionale affidato l’associazione.