Terremoto Centro Italia, tavolo a Palazzo Chigi: parte la ricostruzione

Il decreto sul sisma del centro Italia "segna una svolta perché non si limita a stanziare i fondi necessari per lo stato di emergenza, ma prevede un insieme di norme di carattere straordinario"

MeteoWeb

Il decreto sul sisma del centro Italia “segna una svolta perché non si limita a stanziare i fondi necessari per lo stato di emergenza, ma prevede un insieme di norme di carattere straordinario. Ha l’obiettivo di superare una inaccettabile situazione di stallo: con l’impegno comune di tutti ora parte finalmente la ricostruzione”.

Così Riccardo Fraccaro, a margine del tavolo sul decreto sisma convocato a Palazzo Chigi con l’Anci, i sindaci delle zone colpite, i governatori e i rappresentanti delle Regioni del Centro Italia.

“Il governo ha voluto affrontare la ricostruzione post Terremoto del 2016-2017 con un decreto ad hoc per il Centro Italia”, sottolinea il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro. “Con il decreto Sisma – aggiunge – abbiamo anzitutto prorogato al 31 dicembre 2020 lo stato di emergenza e al contempo abbiamo voluto semplificare e accelerare le procedure di ricostruzione, essenziali per consentire la ripresa delle zone colpite. Sono state inoltre previste misure di sostegno alla popolazione, alle attivita’ imprenditoriali e agli stessi Comuni, per garantire che accanto al risanamento del territorio ci sia anche la ricostruzione del tessuto sociale ed economico. Al tavolo ci siamo confrontati con Comuni e Regioni per valutare le misure che potranno completare l’impianto di norme ora all’esame della Camera.

L’obiettivo e’ approvare in tempi rapidi un provvedimento organico e incisivo che possa garantire senza ulteriori indugi il ritorno alla normalita’. Il governo – conclude Fraccaro – e’ al fianco di cittadini ed enti locali e sta dando risposte concrete ed efficaci alle giuste esigenze delle comunita’ colpite”.