Maltempo, la Tempesta di Santa Lucia colpisce la Sardegna: bufera di vento, danni ingenti in tutta l’Isola

Disagi in Sardegna per il forte vento di maestrale che si è abbattuto sull'isola da ieri con raffiche di tempesta: danni ingenti e disagi

MeteoWeb

Disagi in Sardegna per il forte vento di maestrale che si è abbattuto sull’isola da ieri con raffiche di tempesta. Particolarmente colpito il Nord dove si segnalano problemi nei porti e nei parchi cittadini a Porto Torres e Alghero. Notte di duro lavoro anche per i vigili del fuoco di Nuoro.

Nelle ultime 12 ore sono stati eseguiti 68 interventi dovuti alle forti raffiche di vento che hanno sferzato la provincia con alberi abbattuti, tetti di case danneggiati e muri pericolanti. I pompieri sono stati impegnati anche nello spegnimento di un incendio scoppiato durante la notte nelle campagne di Barisardo dove, alimentato dal vento, ha devastato un territorio circa 10 ettari.

A Cagliari, sempre a causa del forte vento che ha imperversato in citta’ per l’intera notte, sono stati chiusi tutti i parchi cittadini e i cimiteri di Pirri e Bonaria. Il provvedimento si e’ reso necessario – fanno sapere dal Comune – a causa dei danni causati delle forti raffiche.

Danni ingenti nel Nuorese

Le forti raffiche di vento che hanno sferzato per tutta la notte la provincia di Nuoro, interessando maggiormente le zone costiere di Siniscola e dell’Ogliastra, hanno creato ingenti danni. Alberi sradicati, tetti scoperchiati, comignoli fatti volare dal vento e tanti cartelli della segnaletica stradale spazzati letteralmente via dal forte maestrale. Impegnati per tutta la notte i vigili del fuoco, con circa 70 interventi portati a termine.

Momenti di apprensione si sono vissuti a Bari Sardo, sulla costa centro orientale sarda, tra gli abitanti di una zona rurale in localita’ Piralei – per i quali non e’ stata tuttavia disposta l’evacuazione – dove ieri notte si e’ sviluppato un incendio che ha interessato una superficie di 10 ettari. I pompieri, visto il forte vento che ha alimentato le fiamme, sono riusciti ad avere la meglio sulle fiamme solo all’alba.

Per tutta la notte la Prefettura di Nuoro ha monitorato l’evoluzione degli eventi tramite il raccordo con gli enti che compongono il Centro di Coordinamento dei soccorsi. Per far fronte alle molte richieste di intervento il Comando dei Vigili del Fuoco di Nuoro ha potenziato le unita’ operative di soccorso con l’incremento di due squadre che resteranno attive fino a quando cessera’ il maltempo.

Maltempo: vento di maestrale a 110 km/h a Golfo Aranci

Prosegue da ieri vento maestrale fino a 110 km/h a Golfo Aranci. Nei giorni scorsi gli uomini in divisa blu hanno provveduto ad avvertire l’utenza del fenomeno meteo in arrivo, diramando le allerte e, laddove possibile, hanno avvisato anche singoli utenti consentendo loro di riparare le proprie unità all’interno del porto turistico/pescherecci. Grazie al costante lavoro di preallerta è stato possibile limitare al minimo i danni, soprattutto a natanti e imbarcazioni, per cui non si sono registrate particolari problematiche.

Il vento ha soffiato incessantemente per oltre 16 ore con picchi di oltre cento km/h, e poi dopo una tregua nelle prime ore mattutine di oggi ha ripreso, fortunatamente, con meno intensità. Solo nel lungomare di Golfo Aranci un pontile ha ceduto al costante imperversare del mare e del vento, subendo danni importanti. Infatti, diverse parti delle strutture galleggianti sono state completamente distrutte disperdendosi in mare. Molto del materiale si è accumulato nei pressi di alcune banchine portuali dove gli uomini della Guardia Costiera di Golfo Aranci, insieme a pescatori e cittadini volontari hanno provveduto a raccogliere più materiale possibile.

La società concessionaria del pontile è stata diffidata dal Capo del Compartimento Marittimo di Olbia ai sensi della Legge sulla difesa del Mare 979/82 per l’effettuazione della bonifica al fine ridurre al minimo i danni ambientali. La società è intervenuta immediatamente con proprio personale e con una Ditta di Sub, programmando un ulteriore intervento nella giornata di domani e lunedì. Il concessionario dovrà anche provvedere a mettere in sicurezza il pontile al fine di evitare ulteriori danni alle strutture e all’ambiente marino, ma per questo bisognerà aspettare la fine dell’evento meteo-marino, purtroppo ancora in corso. Il Comandante, raccomanda tutta l’utenza del Circondario Marittimo di Golfo Aranci di prestare la massima attenzione ai fenomeni meteo-marini, non intraprendendo mai la navigazione in presenza di allerte meteo e di verificare costantemente i bollettini meteo.