Terapia genica per gli occhi: primi 2 bimbi curati a Napoli

La terapia genica è stata utilizzata per una patologia oculare per la prima volta in Italia su due piccoli pazienti a Napoli

MeteoWeb

Un trattamento innovativo per restituire la speranza ai bambini affetti da una forma particolare di distrofia retinica ereditaria che li rende ipovedenti dalla nascita è stato utilizzato per la prima volta in Italia su due piccoli pazienti nella Clinica Oculistica dell’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli. I risultati ottenuti sono stati presentati questa mattina a Napoli, proprio tra le mura dell’ateneo, dalla direttrice della Clinica Oculistica, Francesca Simonelli.

“Questi – ha spiegato – sono i primi due bambini affetti da distrofia retinica ereditaria causata da mutazioni bialleliche in un gene denominato RPE65 che vengono trattati in Italia con la nuova terapia Luxturna* (voretigene neparvovec), che fornisce una copia funzionante di questo gene ed è in grado, attraverso una singola somministrazione, di migliorare la capacità visiva dei pazienti”. Con la terapia GENICA “i risultati sono evidenti dopo pochi giorni dall’intervento – ha aggiunto l’esperta – e consistono in uno straordinario miglioramento visivo evidente soprattutto nelle condizioni di scarsa luminosità. Dopo la terapia il bambino ha già recuperato una piena autonomia nel muoversi, scendere le scale, camminare da solo, correre e giocare a pallone”.

“L’industria del farmaco sta cercando nuove vie e la via della terapia genica fa parte del Dna di un’azienda che vuole innovare. Il rapporto con questo ospedale è nato per le competenze della struttura ma anche per il rapporto che si è creato grazie alla professoressa Simonelli”, ha spiegato Fulvio Luccini, head of patient access di Novartis, a margine della conferenza stampa di questa mattina, nella clinica oculistica dell’Università Vanvitelli, dove sono stati presentati i risultati dell’innovativa tecnica che ha permesso di guarire due bambini affetti da distrofia retinica ereditaria. “Alla Vanvitelli – ha continuato Luccini – abbiamo trovato collaborazione assoluta e grandissima umanità, è stata una esperienza meravigliosa. Nel tempo avremo un altro centro, magari due. Dal punto di vista delle regole stiamo concludendo la discussione con le entità regolatorie e pensiamo che nell’arco di quattro o sei mesi il farmaco possa essere disponibile sul mercato senza ricorrere a particolari fondi come successo con la Vanvitelli”, ha concluso Luccini.