Influenza, vaccino universale più vicino: siero previene 6 ceppi

Un gruppo di ricercatori della Georgia State University ha sviluppato un vaccino che offre protezione, almeno nei topi, contro 6 ceppi del virus influenzale

MeteoWeb

Il sogno di realizzare un vaccino universale contro l’influenza sembra sempre piu’ vicino. Un gruppo di ricercatori della Georgia State University ha sviluppato un vaccino che offre protezione, almeno nei topi, contro 6 ceppi del virus influenzale.

Il nuovo preparato usa nanoparticelle a doppio strato che contengono le principali proteine del virus dell’influenza, cioe’ M2 e NA. Dopo esser stati immunizzati con questo nuovo vaccino i topi sono stati esposti al virus dell’influenza e sono risultati protetti dai 6 ceppi del virus. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Advanced Healthcare Materials.

La combinazione di antigeni e nanoparticelle ha conferito ai topi una forte protezione incrociata”, ha affermato Ye Wang.

“Puo’ proteggere i topi da diversi ceppi di virus influenzale. Ogni stagione, abbiamo diversi ceppi di influenza che ci colpiscono. Usando questo approccio – continua – speriamo che questo vaccino a nanoparticelle possa proteggere l’uomo da diversi ceppi di virus influenzale”. Un vaccino antinfluenzale universale e’ considerata la strategia ideale per eliminare la minaccia di pandemie influenzali. Inoltre, un vaccino antinfluenzale universale eliminerebbe la necessita’ di vaccinare le persone ogni stagione.

La proteina del virus dell’influenza M2 si trova in tutti i ceppi del virus dell’influenza. La proteina NA si trova invece sulla superficie del virus dell’influenza e, come M2 muta molto lentamente rispetto ad altre proteine influenzali. Questo vaccino a nanoparticelle a doppio strato utilizza M2 come nucleo e NA come rivestimento della superficie. “E’ importante ricordare che molti vaccini antinfluenzali non si sono mai concentrati sulla NA prima” d’ora, afferma Gilbert Gonzalez, coautore dello studio. “NA sta diventando un antigene piu’ importante per la ricerca sui vaccini antinfluenzali“, aggiunge.