Smog Toscana, Prato: “Riscaldamento ridotto di 2 ore al giorno”

A partire da oggi fino alla mezzanotte di venerdì 17 gennaio a Prato il funzionamento degli impianti di riscaldamento domestico dovrà essere limitato da 12 a 10 ore giornaliere

MeteoWeb

A partire da oggi fino alla mezzanotte di venerdì 17 gennaio a Prato il funzionamento degli impianti di riscaldamento domestico dovrà essere limitato da 12 a 10 ore giornaliere e sarà vietata la circolazione di veicoli diesel Euro 2 e Euro 3 nella Ztc.

Lo stabilisce l’ordinanza emessa dal Comune a causa del superamento del valore limite del parametro delle polveri sottili Pm10, in base a quanto prevede la Legge regionale 9/2010 sulla tutela della qualità dell’aria nelle aree urbane e la Delibera della Giunta Regionale Toscana 814/2016 sull’attivazione degli interventi contingibili urgenti da parte dei Comuni per il particolato Pm10 nelle aree di superamento.

Negli ultimi 7 giorni sono stati rilevati 6 superamenti del valore limite per la media giornaliera del Pm10. Anche il Piano di Azione comunale in materia prevede l’emazione dell’ordinanza di restrizione in caso di raggiungimento del valore 2 dell’indice di elevata criticità per la durata di 10 giorni. Va specificato che in caso di condizioni meteo favorevoli e di rientro nei valori l’ordinanza sarà revocata.

Pertanto il periodo giornaliero consentito per il funzionamento degli impianti di riscaldamento alimentati a gasolio e a biomassa va ridotto da 12 a 10 ore, con l’esclusione di ospedali, cliniche o case di cura, scuole materne e asili nido. L’utilizzo di biomassa per il riscaldamento domestico è ammesso solo tramite impianti ad alta efficienza, fatte salve le abitazioni sdove non sono presenti sistemi alternativi di riscaldamento.

E’ obbligatorio inoltre spegnere i motori in caso di sosta prolungata. E’ infine vietata la circolazione nell’area urbana della Ztc alle autovetture diesel Euro 2 e 3 (M1 non omologate Dir.98/69/CE e successive) e ai veicoli commerciali diesel Euro 2 per il trasporto merci N1, N2 e N3 identificati dal Codice della Strada all’art. 54 con portata fino a 35 quintali e oltre 35 quintali non omologati. Le eccezioni al divieto sono le stesse stabilite dall’ordinanza 3783 del 2016 sulla circolazione dei mezzi più inquinanti. Le limitazioni alla circolazione saranno rese note anche attraverso i pannelli luminosi stradali del Comune di Prato. La Polizia Municipale effettuerà i controlli del caso per verificare il rispetto delle disposizioni.