Ambiente, ‘un mare d’amare’: al via la campagna per la riduzione della plastica

'Un mare d'Amare' è la nuova iniziativa di sensibilizzazione sui problemi del mare, sul marine litter e sul ruolo dei processi di logistica e trasporto, promossa da Ambiente Mare Italia - AMI

MeteoWeb

‘Un mare d’Amare’ è la nuova iniziativa di sensibilizzazione sui problemi del mare, sul marine litter e sul ruolo dei processi di logistica e trasporto, promossa da Ambiente Mare Italia – AMI, in collaborazione con SOS-LOGistica – Associazione per la Logistica Sostenibile.

L’evento, grazie al patrocinio della Fondazione Cariplo, della Commissione Europea, del Comune di Milano e con il sostegno di Confetra – Confederazione generale italiana di trasporti e logistica, mira a creare informazione e divulgazione sui temi ambientali. Primo obiettivo dell’incontro, uno spettacolo fatto di musica, arte, testimonianze di esperti e contenuti multimediali, è quello di ispirare i partecipanti ad agire concretamente e sin da subito, contribuendo con azioni di riduzione dell’uso della plastica (e del packaging in carta/cartone/plastica), a partire dalla riduzione/sostituzione della plastica mono-uso. L’appuntamento e’ con Beppe Vessicchio e la sua orchestra, Simona Gandola e Andrea Rizzoli, presso la Casa d’Aste Finarte in Via Paolo Sarpi 6 – giovedi’ 20 febbraio alle ore 18,30.

Un Mare d’amare vede anche il sostegno della rappresentanza in Italia del Parlamento Europeo, di Unilever Italia, Contship Italia e la partnership di Finarte e Ibilab. Saranno presenti Massimo Gaudina capo della Rappresentanza in Italia della Commissione europea, Maurizio Molinari del Parlamento europeo e il vicesindaco di Milano Anna Scavuzzo. Secondo l’ultimo rapporto dell’Ocse, si legge in una nota, sul mercato della plastica riciclata, al mondo solo il 15% della plastica e’ riciclata, il 25% viene incenerita, il 60% finisce nell’ambiente (viene bruciato all’aperto rilasciando inquinanti e gas serra).

Nell’Unione europea si ricicla il 30% in media dei rifiuti di plastica, negli Stati Uniti appena il 10%. Ma in molti paesi in via di sviluppo la raccolta e il trattamento incontrollati dei rifiuti sono ancora prevalenti. Alla luce di questi numeri diventati ormai insostenibili, la serata sara’ anche l’occasione per presentare il progetto ‘NO PLASTIC CHALLENGE’, pensato con l’Universita’ Bicocca di Milano e finanziato dalla Fondazione Cariplo, che mira a coinvolgere cittadinanza ed esercenti con le loro filiere per la riduzione delle emissioni nocive e della plastica, per il recupero dei rifiuti dispersi nell’ambiente e, non ultimo, per la tutela della biodiversita’.