Coronavirus, allerta rossa in Corea del Sud: migliaia di persone in fila a Daegu per comprare le mascherine [FOTO e VIDEO]

La Corea del Sud ha innalzato al massimo il suo livello di allerta per le malattie infettive per la prima volta dal 2009 e il panico sta dilagando nelle sue grandi città

  • Credit: Maeil Shinmun
    Credit: Maeil Shinmun
  • Credit: Maeil Shinmun
    Credit: Maeil Shinmun
  • Credit: Maeil Shinmun
    Credit: Maeil Shinmun
  • Credit: Maeil Shinmun
    Credit: Maeil Shinmun
  • Credit: Maeil Shinmun
    Credit: Maeil Shinmun
/

Il panico da coronavirus è ormai ben diffuso fuori dalla Cina, soprattutto in Corea del Sud e Italia, che sono i Paesi che seguono la Cina come numero di contagi nel mondo. L’Italia in questo momento è il terzo Paese con più contagi al mondo con i suoi oltre 200 casi e 7 vittime, proprio dietro alla Corea del Sud che registra 893 casi e 8 vittime, secondo gli ultimi dati. Il Paese ha alzato il livello di allerta per il coronavirus a rosso. La Corea del Sud ha innalzato al massimo il suo livello di allerta per le malattie infettive per la prima volta dal 2009 e il panico sta dilagando nelle sue grandi città. Una di queste è Daegu, quarta città più grande della Corea del Sud con i suoi 2,5 milioni di abitanti, dove si registra un grande numero di infetti.

Incredibili le immagini che arrivano da Daegu, dove migliaia di persone sono in fila per poter acquistare una mascherina protettiva da un supermercato. La lunghissima fila, come si può vedere dalle foto della gallery scorrevole in alto e dal video in fondo all’articolo, si estende su diverse strade della città. I cittadini sono in coda davanti ad uno dei negozi E-mart di Daegu, che avrebbe iniziato a vendere mascherine a metà prezzo, secondo i media locali. Le immagini dal drone, rilasciate dal giornale sudcoreano Maeil Shinmun, mostrano persone in preda al panico correre per le strade per trovare il loro posto nella fila prima che si esauriscano le scorte.

Finora i cluster più grandi della Corea del Sud sono stati collegati ad un ospedale e ad un gruppo religioso vicino alla città di Daegu. La scorsa settimana, è emersa la notizia di una donna di 61 anni di Daegu che aveva contratto la malattia, infettando molte persone in una chiesa. Gli operatori sanitari stanno controllando circa 9.000 fedeli della chiesa in cui la donna ha seguito più di una funzione religiosa prima di risultare positiva al virus. La città è stata messa in quarantena dopo che il sindaco Kwon Young-jin ha ordinato che tutte le scuole per bambini e le biblioteche pubbliche venissero chiuse dopo quello che le autorità hanno descritto come un “evento di super-diffusione”.

Coronavirus in Corea del Sud, a Daegu migliaia di persone in fila per le strade comprare le mascherine [VIDEO]

Coronavirus, il problema è che in Italia non prendiamo nulla sul serio. Il premier Conte come Morgan sul palco di Sanremo

Coronavirus, testimonianze allarmanti da Codogno: “è il panico assoluto, non c’è niente sotto controllo”

Il Coronavirus ripopola il Sud: tornano tutti senza controlli, solo la Basilicata li mette in quarantena. E intanto l’Austria chiude i confini

Coronavirus, il medico italiano sopravvissuto all’Ebola: “questo virus è completamente diverso, fondamentale lavarsi le mani”

Coronavirus, parla il manager tornato dalla Cina: “Io paziente zero? Sono sempre stato bene”

Coronavirus, l’apocalittica previsione di un team di scienziati: 650 milioni di persone si ammaleranno prima del picco

Il coronavirus cinese e la profezia di Nostradamus sulla “grande epidemia”

Il coronavirus e la ‘profezia’ di Bill Gates nel 2018: “il mondo deve prepararsi ad una pandemia che farà milioni di morti”

Coronavirus, in Cina l’epidemia ha ridotto le emissioni di CO? di 1?4: crollato l’utilizzo di carbone e petrolio, impatto enorme sull’inquinamento globale

Coronavirus, parla la virologa Ilaria Capua: “Arriverà in Italia, dobbiamo prepararci: chi può lavorare da casa si organizzi”

Il Coronavirus potrebbe essere la letale “Malattia X” su cui l’Oms aveva messo in guardia: “Sta rapidamente diventando la prima vera sfida pandemica che vi corrisponde”