Coronavirus, Moody’s sull’Italia: “Cresce il rischio di recessione”

Lo scoppio dell'epidemia di coronavirus pesa sulle "già deboli prospettive di crescita dell'economia italiana e aumenta il rischio che l'Italia scivoli nella recessione"

MeteoWeb

Lo scoppio dell’epidemia di coronavirus pesa sulle “già deboli prospettive di crescita dell’economia italiana e aumenta il rischio che l’Italia scivoli nella recessione”. Lo scrive l’agenzia Moody’s sottolineando come il rating sul debito del nostro paese già “incorpora le nostre aspettative di un profilo di crescita debole, anche senza tenere conto dell’impatto del virus”. Per ora comunque nessun downgrade: “Un ulteriore, ma temporaneo, indebolimento della crescita non cambia quindi sostanzialmente il nostro giudizio” spiega Moody’s.

L’epidemia di coronavirus potrebbe avere un “impatto negativo sulla crescita a breve termine, ma l’economia italiana dovrebbe riprendersi nella seconda metà del 2020” anche con un aumento dei rischi al ribasso su una stima di +0,5% per l’anno in corso. Lo scrive l’agenzia Moody’s in una analisi delle ricadute sulla nostra economia sottolineando come – nonostante le incertezze che permangono su profondità e durata dell’epidemia – “è probabile che si verifichino ricadute negative temporanee su consumi e produzione”. Moody’s ritiene “che probabilmente ci saranno misure fiscali per mitigare l’impatto del coronavirus sull’economia, ma che l’impatto sul bilancio pubblico sarà gestibile”: ma anche su questo punto “molto dipenderà dalla lunghezza e dalla gravità della crisi”.

In questa fase, la nostra ipotesi di base è che l’epidemia sarà contenuta e che avrà una vita relativamente breve. Tuttavia, anche una “ripresa a forma di V” e cioè con una caduta a breve seguita da una rapida ripresa – per Moody’s “potrebbe lasciare l’economia italiana vicina alla stagnazione per il 2020 nel suo insieme, sottolineando il già fragile quadro di crescita in Italia prima dell’arrivo del coronavirus nel paese”.