Coronavirus: crociera interrotta per italiani ai Caraibi ma alcuni si rifiutano di scendere

Un gruppo di turisti italiani, che si trova in crociera ai Caraibi a bordo della Msc Preziosa, è stato costretto a interrompere il tour a causa delle misure restrittive

MeteoWeb

Un gruppo di turisti italiani, che si trova in crociera ai Caraibi a bordo della Msc Preziosa, è stato costretto a interrompere il tour a causa delle misure restrittive, in vigore in alcune isole dell’arcipelago, per chi proviene da Paesi infetti da coronavirus. La nave si è fermata in Martinica, porto di imbarco e sbarco in territorio francese dove non ci sono limitazioni per gli italiani, per far scendere i connazionali con la Msc che ha inviato un charter per il loro rientro in Italia. Ma secondo quanto si apprende, alcuni di loro si stanno rifiutando di lasciare la nave, volendo proseguire la crociera che sarebbe dovuta durare un’altra settimana.

La Msc Crociere, intanto, ha fatto sapere che è pronta a rimborsare ai passeggeri costretti a sbarcare anticipatamente, la parte della vacanza non fatta e “offrirà uno sconto del 20% per una nuova prenotazione entro il 2020”. In seguito alle limitazioni imposte in molti dei porti previsti dall’itinerario della Msc Preziosa, è stato inoltre annullato il volo di arrivo da Milano dei passeggeri che avrebbero dovuto imbarcare per le prossime partenze.

L’emergenza Coronavirus aveva visto nei giorni scorsi diversi deputati della Martinica chiedere la cancellazione del volo dall’Italia. Il parlamentare Serge Letchimy, in particolare, aveva scritto al primo ministro francese Edouard Philippe – riferiscono i media locali – chiedendogli la cancellazione del collegamento con Milano. Anche per evitare, aveva sottolineato, possibili contagi in vista del Carnevale, che tradizionalmente attrae tanti turisti ai Caraibi.