Psicosi da Coronavirus, la testimonianza da Reggio Calabria: “controllata all’Aeroporto, poi maltrattata in un ufficio comunale”

In piena emergenza coronavirus, pubblichiamo la lettera a opera di una nostra lettrice, C.L., che denuncia lo stato di psicosi da epidemia che si respira a Reggio Calabria

MeteoWeb

In piena emergenza coronavirus, pubblichiamo la lettera a opera di una nostra lettrice, C.L., che denuncia lo stato di psicosi da epidemia che si respira a Reggio Calabria. 

“Sono C.L. vorrei denunciare un fatto alquanto spiacevole accadutomi questa mattina presso gli uffici Hermes Servizi Metropolitani, di Reggio Calabria. Premetto che vivo a Torino da 19 anni e spesso rientro a Reggio per motivi personali; atterrata all’aeroporto di Reggio Calabria il 20 c.m. in tempi non sospetti, hanno attuato le dovute cautele facendomi uscire solo dopo avermi controllato la temperatura. 

Questa mattina mi sono recata presso l’ufficio suddetto per interloquire su appuntamento con un funzionario e sono stata trattata come se avessi la lebbra anzi il Coronavirus che è più appropriato! “Esperienza diretta di psicosi e fobia da Coronavirus questa mattina all’ufficio Hermes servizi Metropolitani di Reggio Calabria. Appena ho detto che dovevo rientrare a Torino il funzionario dell’ufficio ha cominciato ad inveire contro di me dicendo: “Non doveva venire qui; le ho dato la mano; doveva dirlo subito; si doveva mettere in quarantena; doveva indossare la mascherina, praticamente mi ha trattata come una lebbrosa.”

Tutto questo avviene in un ufficio dove erano presenti altri impiegati in preda al panico ed il funzionario nonché  D.ssa attenzione quindi con un titolo elevato di Istruzione e Ignoranza; alcool sulle scrivanie per disinfettare e disinfettarsi;  subito psicosi e panico, mi hanno fatta sentire sotto inquisizione e non aggiungo altro. Sono sconcertata, arrabbiata e infuriata per il livello di Ignoranza che Regna Sovrana in una Città Metropolitana che merita di affondare e non riemergere più. La mia terra non mi merita!”