Coronavirus, sigillati i palazzi a Huanggang, stanze per la quarantena stampate in 3D nell’Hubei. A Londra donna contagiata arriva in ospedale in taxi

Mentre le autorita' sanitarie dello Hubei fanno appello ai pazienti guariti di donare il sangue per il loro "grande numero di anticorpi", il Presidente cinese afferma che gli sforzi "stanno producendo risultati positivi"

Secondo una circolare emessa dall’amministrazione locale, nella citta’ di Huanggang, il centro dello Hubei da oltre 7 milioni di abitanti sottoposto dal mese scorso a cordone sanitario assieme a Wuhan e ad altri centri della provincia a causa dell’epidemia di Coronavirus, tutti i complessi residenziali della citta’ verranno messi in regime di isolamento a partire da domani per evitare l’aumento del contagio da Coronavirus. Con l’eccezione del personale medico, di sicurezza, dei tecnici e di chi si occupa della consegna di beni di prima necessita’, “tutti gli altri residenti non devono entrare o uscire dal complesso residenziale senza autorizzazione“. Anche i veicoli privati saranno sottoposti a controlli.

Con l’eccezione di ambulanze, auto della polizia, dei pompieri e vetture speciali, “e’ vietato il transito di tutti i veicoli, si legge nella nota, divisa in sette punti, e tutti i beni di prima necessita’ verranno forniti ai residenti dai comitati di quartiere e di villaggio. Le nuove regole si protrarranno per 14 giorni, a meno di cambiamenti significativi nel contrasto all’epidemia.

Prima contagiata a Londra arriva in ospedale con un taxi Uber

Ha scatenato l’allarme fra i responsabili dei servizi sanitari britannici il comportamento di una paziente cinese arrivata in ospedale a Londra domenica scorsa a bordo di un comune taxi Uber dopo aver avvertito sintomi di potenziale contagio da Coronavirus. La vicenda e’ stata resa nota oggi. La donna, il cui contagio e’ stato poi confermato come il primo registrato nella capitale del Regno (il nono in tutto il Paese), si e’ presentata al pronto soccorso del Lewisham Hospital senza chiamare prima alcun numero di emergenza o ambulanza, ne’ farsi annunciare, a quanto riferiscono i servizi medici. E dopo i test e’ stata trasferita in un centro specializzato dell’ospedale St. Thomas, dove ora “e’ in cura in isolamento”. Fonti ospedaliere hanno comunque precisato che, dagli accertamenti condotti nel frattempo, e’ risultato che la paziente non abbia contagiato altre persone nel tragitto e che nessun altro passeggero sia stato esposto sulla stessa vettura.

Oms: “Negativi i 20 passeggeri della nave Westerdam in Cambogia”

“Il ministero della Salute della Cambogia ha appena annunciato che tutti i 20 passeggeri della nave da crociera Westerdam sono risultati negativi per Covid19. Novità molto buone. Ringrazio ancora il ministero e il governo per la loro solidarietà e umanità“. Lo riferisce il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Hubei chiede il sangue ai guariti

Le autorita’ sanitarie dello Hubei fanno appello ai pazienti guariti dalla polmonite da Coronavirus di donare il sangue per il “grande numero di anticorpi presenti nel plasma di chi ha superato la malattia. La donazione del sangue e’ stata sollecitata da Zhang Dingyu, direttore del Jinyintan Hospital di Wuhan, la principale struttura della citta’ della Cina interna da cui si e’ diffusa l’epidemia di conronavirus per la cura di chi ha contratto il Covid-19. “Stiamo facendo ricerche sul plasma dei pazienti guariti“, ha dichiarato durante la conferenza stampa serale delle autorita’ satniarie dello Hubei il direttore della struttura ospedaliera. “I pazienti guariti possono donarci il sangue che ha molti anticorpi e questo potrebbe aiutarci con la ricerca e forse nella cura dei pazienti”, ha aggiunto il medico.

Stanze per la quarantena stampate in 3D in un ospedale dell’Hubei

Quindici stanze stampate in 3D sono state messe a disposizione dei pazienti in quarantena infettati dal nuovo coronavirus in un importante ospedale di Xianning, una città vicina a Wuhan, nella provincia dell’Hubei. Le stanze stampate in 3D, ampie circa 10 metri quadrati ciascuna, hanno raggiunto gli standard per i pazienti in quarantena in termini di conservazione del calore e isolamento, ha affermato Huang Jinxue dell’ospedale. Ogni camera è dotata di aria condizionata, bagno e doccia per le esigenze quotidiane dei pazienti. Le 15 stanze ‘mobili’ sono state costruite in un giorno da un’azienda con sede a Suzhou, città nota per l’industria manifatturiera e l’alta tecnologia.

Presidente cinese: “Gli sforzi stanno producendo risultati positivi”

La battaglia della Cina contro l’epidemia da Coronavirus sta “gradualmente producendo risultati positivi. Lo ha affermato il presidente cinese, Xi Jinping, in un messaggio inviato al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, letto prima dell’inizio del concerto di una pianista cinese organizzato dal Quirinale a Roma. “Il governo cinese, di fronte all’epidemia – aggiunge Xi – ha adottato misure di prevenzione e controllo rigorose e precise, agendo in modo responsabile sia sia nei confronti del popolo cinese che della comunita’ internazionale”. “Il governo e il popolo cinese – prosegue Xi – sono fiduciosi, determinati e possiedono la capacita’ di vincere la battaglia contro l’epidemia e salvaguardare la sicurezza sanitaria regionale e globale”.

Xi si dice anche profondamente “commosso” nel constatare come “la vera amicizia si veda nel momento del bisogno”, rivolgendosi al capo dello Stato Sergio Mattarella. “In questo momento in cui il popolo cinese sta lottando contro il coronavirus con tutte le sue forze, le parole del suo messaggio sono un segnale della sua fiducia e del suo sostegno nei nostri confronti“, scrive Xi, ricordando poi la visita fatta da Mattarella agli scolari cinesi.