Terremoto Centro Italia: “A settembre i risultati del monitoraggio delle faglie”

"I risultati del monitoraggio sulle faglie individuate nella zona di Frontignano li avremo solo il prossimo primo settembre, dato che le verifiche saranno completate entro il 31 agosto"

“I risultati del monitoraggio sulle faglie individuate nella zona di Frontignano li avremo solo il prossimo primo settembre, dato che le verifiche saranno completate entro il 31 agosto”: a dirlo all’ANSA è Giuseppe Fraticelli, il commissario prefettizio del Comune di Ussita, uno dei paesi del Maceratese maggiormente colpiti dal sisma.

Fino a quel momento, nell’area interessata dagli accertamenti geologici, ogni attività legata alla ricostruzione post terremoto sarà sospesa: “i sondaggi – spiega Fraticelli – ci dovranno consegnare un quadro certo sulle due faglie ritenute, come si dice con linguaggio tecnico, attive e capaci”.

Il commissario ricorda che partendo “dal punto presunto di faglia, per un raggio di 200 metri, non è possibile dare vita ad alcuna edificabilità, ma al momento è prematuro immaginare cosa potrà essere ricostruito o non ricostruito in quella zona, anche perché il monitoraggio potrebbe, come ci auguriamo, consegnarci un quadro tale che il raggio dei 200 metri venga ridotto”.

Un altro elemento che determinerà anche la relazione finale, spiega ancora il commissario senza entrare in dettagli tecnici, “saranno le frastagliature delle faglie – spiega ancora il commissario – Senza entrare troppo nel tecnico, gli esperti dovranno studiare, appunto, la natura delle faglie presenti e per questo a oggi è impensabile quantificare quante abitazioni potranno essere o meno interessate da questa criticità”. Fraticelli da’ invece per sicuro il fatto che “gli impianti di risalita di Frontignano non sono assolutamente interessati dalla presenza di queste faglie”, cosi’ come “non condizioneranno il recupero, a valle, del borgo Ussita”.

Riaprire il primo tratto degli impianti di risalita di Frontignano entro la fine del mio incarico e’ un obiettivo reale e sul quale stiamo tutti lavorando perche’ possa essere raggiunto. Indicare una data precisa della loro riapertura al momento non e’ possibile – spiega Fraticelli – ma assieme anche al direttore di esercizio degli stessi impianti, l’ing. Marco Rinaldi, stiamo lavorando quotidianamente per ripristinare le seggiovie prima dell’estate e cosi’ il sindaco che verra’ se le ritrovera’ pronte per la prossima stagione invernale”.