Tumore al fegato: nuove speranze dall’Ospedale di Pistoia

Nuove speranze nella lotta contro il tumore al fegato vengono dall'ospedale San Jacopo di Pistoia

MeteoWeb

All’ospedale San Jacopo di Pistoia guarire dal tumore al fegato è possibile E a breve vi sarà la collaborazione con il policlinico Careggi di Firenze.  “Sono in totale quaranta i malati affetti da metastasi che l’anno scorso abbiamo trattato nell’ospedale di Pistoia, garantendo un gruppo specialistico multisciplinare di elevata esperienza, attrezzature di tecnologia avanzata e volumi di attività che hanno sviluppato importanti abilità professionali”, racconta a Tvl il direttore dell’area chirurgica aziendale e della chirurgia generale del San Jacopo Sandro Gianessi.

La chirurgia epatica di tutta l’Azienda Usl Toscana Centro è stata centralizzata a Pistoia per la disponibilità di una équipe dedicata, coordinata dal dottor Massimo Fedi, che unisce principalmente competenze chirurgiche, anestesiologiche (Chiara Bondi), infermieristiche (Tania Fioravanti), oncologiche (dottoressa Miriam Ricasoli) e di radiologia interventistica (dottor Luca Carmignani). L’altro chirurgo esperto è la dottoressa Sara Riccadonna.

“E’ grazie all’istituzione di unica Azienda e al dipartimento delle specialistiche chirurgiche diretto dal dottor Stefano Michelagnoli, se è stato possibile realizzare questo progetto che vede integrate anche le équipe che provengono dagli altri ospedali (in particolare dal Santo Stefano, Borgo San Lorenzo, San Giovanni di Dio, Santa Maria Annunziata): i chirurghi tutor condividono con noi, tramite la rete Usl, le immagini diagnostiche per il consulto clinico a cui segue la loro presenza operativa nelle nostre sale; viceversa noi, per esempio, andiamo ad integrare l’équipe chirurgica del San Giovanni di Dio dov’è centralizzata la patologia pancreatica”, ha spiegato Giannessi. Ultrasuoni, elettrobisturi a radiofrequenza, ecografie imtraoperatorie, microonde e recentemente la colonna laparoscopia in Hd, 4K e 3D oltre al percorso di preospedalizzazione con esami di altissimo livello hanno innalzato la qualità degli interventi nella sala operatoria di cui è referente la dottoressa Federica Pellegrini.

Anni fa quello che stiamo facendo era impensabile; oggi grazie all’esperienza acquisita e alle notevoli dotazioni tecnologiche di cui disponiamo siamo in grado di intervenire anche nella chirurgia epatica maggiore, garantendo i migliori risultati, la sopravvivenza anche nel caso in cui sia necessario prelevare la metà del fegato e interventi sempre più personalizzati”, ha aggiunto Fedi. Il team chirurgico si completa con l’anestesista, la dottoressa Bondi, che segue il paziente dall’ingresso in sala operatoria alla fine dell’intervento attraverso il monitoraggio dedicato che prosegue nella fase post operatoria in recovery room. Fondamentale l’apporto degli infermieri specializzati, sia in sala che durante la degenza che seguono costantemente tutto il percorso clinico assistenziale del paziente. Il progetto dell’ospedale San Jacopo, di cui è direttore sanitario la dottoressa Lucilla Di Renzo, prevede ulteriori sviluppi in ambito regionale: a breve sarà avviata una reciproca collaborazione con l’Azienda Ospedaliera Universitaria di Careggi finalizzata a migliorare ulteriormente le attuali prestazioni chirurgiche.