Coronavirus, a Roma cresce la paura ma non c’è alcun focolaio: tutti i positivi provengono dalla pianura Padana [DETTAGLI]

Coronavirus, il punto della situazione su Roma e le comunicazioni ufficiali dello Spallanzani

Cresce la paura per il nuovo Coronavirus a Roma, ma la situazione è sotto controllo e nella capitale non c’è alcun focolaio. Ad oggi sono 16 le persone che sono risultate positive al nuovo coronavirus nel Lazio, di cui 3 sono guarite (la coppia cinese e il ricercatore italiano gia’ dimesso). In questo momento, sono ricoverati all’Istituto nazionale malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma 11 casi positivi al Covid-19, compresa la coppia cinese, di cui due in condizioni gravi. Nessuno e’ residente a Roma. Nel dettaglio, tutti i casi di positivita’ al coronavirus nella regione Lazio derivano da link epidemiologici collegati al nord Italia. Dopo i 3 componenti della famiglia di Fiumicino con link lombardo – la donna positiva, infatti, aveva assistito a un incontro di calcio allo stadio Meazza di Milano -, l’Istituto Spallanzani ha confermato altri 10 pazienti affetti dal Covid-19: un poliziotto residente a Torvaianica, nel Comune di Pomezia, e operativo presso la caserma di Spinaceto, con lui, si sono ammalati anche la moglie, i due figli e la cognata (ricoverati in assistenza domiciliare). L’agente si era presentato inizialmente al pronto soccorso del policlinico di Roma Tor Vergata. Per questo motivo sono stati ricostruiti i contatti avvenuti al pronto soccorso, 98 persone in tutto. I tamponi finora eseguiti sono negativi e nella serata saranno ultimati.

Oltre a loro, e’ positivo e ricoverato anche un un giornalista Rai, che si era recato per lavoro in Veneto, e un allievo vigile del fuoco della caserma di Capannelle che era stato a Piacenza. Inoltre, una donna di Fiuggi, in provincia di Frosinone, risultata positiva al Covid-19, ed e’ ricoverata all’Istituto Spallanzani. La donna era stata dal 16 al 23 di febbraio nelle zone del nord Italia tra Lombardia e Veneto. Ieri sera, poi e’ arrivata la conferma di un’altra persona risultata positiva al Covid-19: si tratta di una donna di Cremona che e’ stata ricoverata in isolamento all’istituto Spallanzani di Roma. La signora si trovava in visita ai parenti e si e’ recata al pronto soccorso di Formia da dove, poi, e’ stata trasferita allo Spallanzani. Infine, una donna della provincia di Sassari, risultata positiva al test per il coronavirus, e’ fra gli 11 ricoverati all’ospedale Spallanzani di Roma. La donna avrebbe contratto il virus nel nord Italia per poi far ritorno nella Capitale. “Tutti i ricoverati – riporta il bollettino quotidiano dell’Inmi Spallanzani di Roma – sono in condizioni cliniche che non destano preoccupazioni ad eccezione di due che presentano una polmonite interstiziale bilaterale in terapia antivirale e che necessitano di supporto respiratorio“.

spallanzaniNon saranno tutti sottoposti a test, ma solo i sintomatici. Al momento la gran parte di quelli effettuati sono negativi. Aspettiamo i risultati degli ultimi“. Lo ha detto il direttore sanitario dello Spallanzani, Francesco Vaia, in merito alle 98 persone richiamate perchè si trovavano al pronto soccorso di Tor Vergata quando c’era il poliziotto contagiato da Coronavirus. Per quanto riguarda i test effettuati su alunni e personale della scuola di Pomezia frequentato da uno dei figli dell’agente di polizia, Vaia ha sottolineato che sono “risultati negativi“. “Se fossero positivi ve ne daremmo contezza“, ha aggiunto.

La Rai rende noto che e’ stato riscontrato un caso di positivita’ al coronavirus tra i dipendenti dell’Azienda. Il dipendente, risultato positivo al primo tampone e attualmente ricoverato all’ospedale Spallanzani in buone condizioni, e’ stato in trasferta in zona gialla e non ha avuto accesso ai presidi aziendali negli ultimi dieci giorni. L’Azienda e’ da giorni impegnata in un costante presidio di tutela dei propri dipendenti dall’epidemia. Le misure sono state ulteriormente rafforzate in queste ore e la Rai ha emanato nuove disposizioni per innalzare ulteriormente il livello di attenzione per chi si trova o si e’ trovato nei pressi delle aree rosse e gialle.

Coronavirus, il Sindaco di Fiuggi apre il Centro operativo comunale

Stiamo monitorando con la massima attenzione gli sviluppi clinici della nostra concittadina ricoverata presso l’ospedale Spallanzani di Roma. Ogni procedura e ogni controllo e’ stato attivato dalla competente autorita’ sanitaria con la quale siamo in continuo contatto“. Lo dichiara il sindaco di Fiuggi, Alioska Baccarini, dopo il ricovero di una donna della cittadina ciociara risultata positiva al Covid-19 di ritorno dopo un viaggio nel nord Italia. “Per fortuna – aggiunge il sindaco – gli esiti sui familiari risulterebbero negativi e sono tornati a casa sotto osservazione sanitaria“. Oggi il sindaco Baccarini ha deciso l’apertura del Coc – centro operativo comunale – “con l’obiettivo di monitorare la situazione sanitaria del nostro territorio“.