Coronavirus, il sindaco di Osimo: “Mascherine lavabili, il progetto crescerà”

Ecco, continua il sindaco, "è stata un'operazione 'di famiglia' per le famiglie. Sono scese in campo aziende familiari e il Gruppo Astea è esso stesso come una grande famiglia per noi"

MeteoWeb

Ecco, continua il sindaco, “è stata un’operazione ‘di famiglia’ per le famiglie. Sono scese in campo aziende familiari e il Gruppo Astea è esso stesso come una grande famiglia per noi”. Anche gli altri Comuni che ‘fanno rete’ con Osimo hanno espresso interesse per l’iniziativa.

“C’è una grande sinergia fra sindaci qui”, assicura Pugnaloni. Da quando le mascherine sono pronte, altri 20 volontari “sono in campo ogni giorno a gruppi di due per distribuirle. Ne saranno prodotte ancora. Ci metteremo d’accordo sul prezzo di vendita e sulla parte da donare”.

Le mascherine non sono l’unico intervento messo in campo dal Comune: “Stiamo disinfestando strade, piazzali e vicoli con un atomizzatore che passa di notte e presto faremo dono ai dipendenti delle società partecipate di dispositivi di protezione particolari che potrebbero essere donati da aziende del luogo. Abbiamo un servizio di ‘pronto farmaco’ e spesa a domicilio che sta riuscendo molto bene – elenca il sindaco – e abbiamo distribuito anche volantini per il servizio pranzo e cena a domicilio, pensando soprattutto agli anziani. Infine tre macchine della Protezione civile girano per la città alla mattina e al pomeriggio per 2 ore con un messaggio registrato che ricorda tutte le raccomandazioni da seguire per il contenimento dell’epidemia. Sul restare a casa i cittadini stanno migliorando sempre di più”.

L’operazione mascherine è piaciuta alla comunità locale. “Stanzieremo circa 20 mila euro, di cui un acconto già versato. Poi faremo conti alla fine perché vogliamo produrne altre quantità – riepiloga Pugnaloni – Intanto ho ricevuto tantissimi ringraziamenti. E sono contento che l’iniziativa sia stata apprezzata. Quando sono andato in azienda per vedere il risultato della produzione, sono stato il primo a indossare la mascherina numero 1. Un amico mi ha detto: ‘Sembri un bandito’. E io gli ho risposto: ‘No, sto andando a salvare i miei concittadini dall’emergenza Covid 19″, conclude sorridendo.