Coronavirus, l’Oms: “I Paesi adottino misure aggressive, si può ancora contenere”

"Con misure precoci e aggressive, i Paesi possono fermare la trasmissione di Covid-19 e salvare vite"

“Con misure precoci e aggressive, i Paesi possono fermare la trasmissione di Covid-19 e salvare vite”. Lo sottolinea il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus.

Contenere il Covid19 è fattibile e deve rimanere la massima priorità per tutti i paesi. Con misure precoci e aggressive, possono interrompere la trasmissione,” ha spiegato il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanita’, Tedros Adhanom Ghebreyesus. “Stiamo monitorando la situazione ogni momento di ogni giorno e analizzando i dati – ha aggiunto -. L’Oms non esiterà a descrivere questo coronavirus come una pandemia se questo è ciò che i dati suggeriranno”.

“Apprezziamo che le persone stiano discutendo se questa e’ una pandemia o no. Ma dobbiamo vedere le cose in prospettiva: degli 88.913 casi di Covid 19 riportati finora, il 90% si trova in Cina e principalmente in una provincia”, ha aggiunto Ghebreyesus, sottolineando che “oltre 130 paesi non hanno ancora rilevato casi”. “Siamo in un territorio inesplorato – ha detto ancora –. Ma il virus può  essere contenuto con le giuste misure”.

“I casi di Covid-19 in Cina continuano a diminuire. Ieri sono stati riportati 206 nuovi casi all’Oms, il numero più basso dal 22 gennaio. Solo 8 sono stati registrati al di fuori della provincia di Hubei”. Fuori dalla Cina si contano 8.739 casi in 61 Paesi, con 127 morti.