Coronavirus, la “ricetta” di Burioni per ripartire: “Necessario usare le mascherine, fare più test e tamponi e isolare subito gli infetti”

"La mascherina, che tutti dovranno portare, sara' indispensabile e diventera' un'abitudine come portare le scarpe", ha detto Roberto Burioni

MeteoWeb

Si puo’ ripartire, ma solo con le armi che possono bloccare il contagio. In questo momento queste armi sono la mascherina, che tutti dovranno portare, sara’ indispensabile e diventera’ un’abitudine come portare le scarpe. Seconda cosa sono i test. Dobbiamo essere in grado di identificare immediatamente e immediatamente isolare le persone che sono infettive, per questo ci vorra’ la capacita’ di fare molti piu’ test. Ancora i test sierologici, dovremo capire chi ha avuto e chi no la malattia, altrimenti vaghiamo nel buio. Infine dei sistemi di tracciamento che permettano di identificare e isolare per davvero le persone infette, in strutture apposite, per impedire che il contagio vada avanti“. Cosi’ a Sky Tg24 Roberto Burioni, professore ordinario di Microbiologia e Virologia dell’Universita’ Vita-Salute San Raffaele sulla fase 2 dell’emergenza Coronavirus. “Con questi passaggi e queste cautele – ha concluso – si puo’ immaginare, con tutte le tutele, una graduale ripresa delle attivita‘”.

In questo momento non c’e’ nessuna terapia di provata efficacia, dobbiamo aspettare. Ci sono dati promettenti per alcuni farmaci in laboratorio e magari nell’uso su alcuni pazienti – spiega Burioni – pero’ sono in corso degli studi che ci diranno con chiarezza cosa funziona e cosa no. Anche uno solo di questi studi che vada a buon fine puo’ fare veramente la differenza. Bisogna avere pazienza, anche a questo serve ritardare il contagio, a dare tempo ai medici di fare gli studi“.