In Antartide i resti fossili di una foresta pluviale

Scoperti in Antartide i resti fossili di una foresta pluviale di 90 milioni di anni fa. La scoperta dimostra che durante il Cretaceo il clima al Polo Sud era eccezionalmente caldo, con temperature medie annuali di 12 gradi centigradi

Scoperti in Antartide i resti fossili di una foresta pluviale di 90 milioni di anni fa. La scoperta dimostra che durante il Cretaceo il clima al Polo Sud era eccezionalmente caldo, con temperature medie annuali di 12 gradi centigradi. Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature, è coordinato dal Centro Helmholtz per la ricerca polare e marina dell’Istituto Alfred Wegener tedesco, guidato da Johann Klages, insieme ai colleghi dell’Imperial College di Londra.

I ricercatori, grazie all’impiego della nave rompighiaccio tedesca Polarstern, hanno raccolto nel 2017 alcuni sedimenti nel mare di Amundsen, nella regione occidentale dell’Antartide, a una trentina di metri al di sotto del fondale oceanico. Le analisi condotte in questi anni, come complesse tac ai raggi X, hanno, a sorpresa, riportato alla luce i resti incontaminati del suolo di una foresta del Cretaceo, con tracce di pollini, spore vegetali e radici. Un paesaggio palustre simile a quello delle odierne foreste pluviali in Nuova Zelanda.

“L’insolita colorazione dei sedimenti, diversa da quella degli strati superiori, ha subito catturato la nostra attenzione”, ha precisato Klages. “I campioni erano cosi’ ben conservati da poterci consentire di distinguere le singole strutture cellulari“, ha aggiunto. Secondo gli autori dello studio, a rendere in passato le temperature cosi’ miti, un’anomalia per il Polo Sud, era l’elevata concentrazione dei livelli atmosferici di anidride carbonica. Il periodo del medio Cretaceo, all’incirca tra 115 e 80 milioni di anni fa, e’ considerato dagli studiosi il piu’ caldo degli ultimi 140 milioni di anni, con temperature superficiali dei mari ai Tropici di circa 35 gradi e un livello delle acque piu’ elevato di 170 metri rispetto a quello attuale.