Il mistero di Fomalhaut, l’esopianeta scomparso: il telescopio spaziale Hubble svela la sua vera natura

Quello che gli astronomi credevano fosse un pianeta al di là del nostro Sistema Solare, ora è scomparso dalla nostra vista

MeteoWeb

Quello che gli astronomi credevano fosse un pianeta al di là del nostro Sistema Solare, ora è scomparso dalla nostra vista. Un mistero. Secondo gli esperti tale pianeta non sarebbe in realtà mai esistito: la conferma arriva dal telescopio spaziale Hubble della NASA / ESA il quale ha osservato una nuvola in espansione di particelle di polvere molto fini causate da una collisione titanica tra due corpi ghiacciati di dimensioni asteroidi in orbita attorno alla stella luminosa Fomalhaut, a circa 25 anni luce dalla Terra.

“Il sistema Fomalhaut è il laboratorio di prova definitivo per spiegare come si evolvono gli esopianeti e i sistemi stellari”, ha affermato George Rieke dello Steward Observatory dell’Università dell’Arizona.Abbiamo prove di tali collisioni in altri sistemi, ma nessuna di queste dimensioni è mai stata osservata. Questo può rivelare come i pianeti si distruggono a vicenda.”

Inizialmente si credeva che tale oggetto osservato fosse un pianeta, chiamato Fomalhaut b, annunciato per la prima volta nel 2008 in funzione dei dati ottenuti nel 2004 e nel 2006. Era chiaramente visibile in diversi anni di osservazioni di Hubble che lo rivelarono come un punto mobile. Tuttavia, a differenza di altri esopianeti per i quali esistevano delle osservazioni mediante immagini dirette, i dubbi su Fomalhaut erano sorti sin dall’inizio.

L’oggetto risultava infatti insolitamente luminoso alla luce visibile, ma non presentava alcun calore a infrarossi rilevabile. In prima istanza i ricercatori avevano ipotizzato che la luminosità aggiunta provenisse da un enorme guscio o anello di polvere che circondava l’oggetto, guscio che potrebbe essere stato generato in seguito alla collisione. Inoltre, le prime osservazioni di Hubble avevano suggerito che l’oggetto potrebbe non seguire un’orbita ellittica, come fanno di solito i pianeti.

“Il nostro studio, che ha analizzato tutti i dati archivistici di Hubble disponibili su Fomalhaut b, comprese le immagini più recenti scattate da Hubble, ha rivelato diverse caratteristiche che insieme dipingono un’immagine che l’oggetto di dimensioni planetarie potrebbe in primo luogo non essere mai esistito, ha detto Gáspár.

Le immagini di Hubble del 2014, tra l’incredulità degli esperti, avevano mostro che tale oggetto era svanito. Le immagini precedenti avevano invece mostrato che l’oggetto si attenuava continuamente nel tempo. “Chiaramente, Fomalhaut b stava facendo cose che un pianeta non dovrebbe fare“, ha detto Gáspár.

L’interpretazione predominante è dunque che Fomalhaut b non sia un pianeta, ma una nuvola che si espande lentamente esplosa nello spazio a seguito di una collisione tra due grandi corpi. I ricercatori ritengono che la collisione sia avvenuta non troppo tempo prima delle prime osservazioni del 2004. Ormai la nuvola di detriti, costituita da particelle di polvere intorno a 1 micron (1/50 del diametro di un capello umano), è al di sotto del limite di rilevamento di Hubble. Si stima che ormai la nuvola di polvere si sia espansa a dimensioni maggiori dell’orbita terrestre attorno al nostro Sole.

Un altro aspetto fondamentale che avvalora tale teoria è che l’oggetto non si trova su un’orbita ellittica, come previsto per i pianeti, ma su una traiettoria di fuga o percorso iperbolico“Una massiccia nuvola di polvere di recente creazione, che sperimenta notevoli forze radiative dalla stella centrale Fomalhaut, verrebbe posizionata su tale traiettoria”, ha detto Gáspár, “Il nostro modello è in grado di spiegare naturalmente tutti i parametri indipendenti osservabili del sistema: il suo tasso di espansione, il suo dissolvenza e sua traiettoria. “

Poiché Fomalhaut b si trova attualmente all’interno di un vasto anello di detriti ghiacciati che circonda la stella, i corpi in collisione erano probabilmente una miscela di ghiaccio e polvere, come i corpi cometari che esistono nella cintura di Kuiper ai margini esterni del nostro sistema solare. Gáspár e Rieke stimano che ciascuno di questi corpi simili a una cometa misurava circa 200 chilometri di diametro. Ciò suggerisce anche che il sistema Fomalhaut può sperimentare uno di questi eventi di collisione solo ogni 200000 anni.

“Queste collisioni sono estremamente rare e quindi questo è un raro che possiamo effettivamente vederne una”, ha detto András Gáspár dell’Università dell’Arizona. “Crediamo di esserci trovati nel posto giusto al momento giusto per aver assistito a un evento così improbabile con il telescopio spaziale Hubble.”

Gáspár, Rieke e altri astronomi osserveranno anche il sistema Fomalhaut con l’imminente Telescopio Spaziale James Webb della NASA / ESA / CSA, che dovrebbe essere lanciato nel 2021.