Paura per Robben, la moglie colpita dal Coronavirus: “Stava molto male, aveva difficoltà a respirare. Mi sono reso conto di quanto sia pericoloso”

“La cosa peggiore è che sentiva una forte compressione sul petto, aveva difficoltà a respirare. Ci sono voluti giorni per riprendersi", ha raccontato l'ex calciatore

MeteoWeb

Il coronavirus ha fatto registrare dei contagi anche nel mondo del calcio. In alcuni casi, anche le compagne dei calciatori sono state contagiate. È successo anche a Bernadien, moglie di Arjen Robben, ex stella del Bayern Monaco e della Nazionale olandese, come rivelato dallo stesso ex calciatore, secondo quanto riporta la Bild. “Fortunatamente tutto è andato bene, ma non è stata una bella esperienza. Si sentiva molto male, ma per fortuna ora è risultata negativa al tampone: sta meglio”, ha detto Robben.

La cosa peggiore è che sentiva una forte compressione sul petto, aveva difficoltà a respirare – ha aggiunto Robben -. Non è stata assolutamente una bella sensazione e poi ci sono voluti giorni per riprendersi. Non è che le cose migliorino da un giorno all’altro. Sono molto contento che adesso stia bene. Per fortuna abbiamo dei carissimi amici che ci hanno aiutato. Ci siamo trovati in una situazione strana, dalla quale non puoi uscire affatto. Abbiamo un cane e i nostri amici si sono presi l’incarico di portarlo fuori, poiché non potevo uscire di casa”.

I figli di Robben, Lynn, Luka e Kai, sono risultati negativi al tampone del coronavirus, dopo la malattia della madre. “Mi sono reso conto quanto sia pericoloso questo virus e che bisogna rimanere a casa. Spero che tutti se ne rendano conto”.