L’amore ai tempi del Coronavirus, la proposta del Sindaco di Messina a Jole Santelli: “Passaporto degli innamorati per i fidanzati pendolari”

Un 'passaporto degli innamorati' per aiutare gli amori 'pendolari'. E' la nuova proposta lanciata dal sindaco di Messina, Cateno De Luca, per aiutare gli innamorati residenti sulle due sponde dello Stretto

MeteoWeb

Un ‘passaporto degli innamorati’ per aiutare gli amori ‘pendolari’. E’ la nuova proposta lanciata dal sindaco di Messina, Cateno De Luca, per aiutare gli innamorati residenti sulle due sponde dello Stretto, impossibilitati a ricongiungersi ai propri partner a causa dell’ordinanza regionale che vieta ai non residenti di spostarsi e trasferirsi nella Regione Calabria. In una lettera indirizzata a Jole Santelli, governatore della Calabria, il primo cittadino si fa portavoce del malessere di tanti fidanzati pendolari.

“Cara Presidente – scrive il sindaco De Luca – voglio essere chiaro: la mia non è una critica alla sua ordinanza, della quale condivido pienamente la funzione e lo spirito, che io stesso avevo cercato di realizzare con la mia famigerata banca dati ‘si passa a condizione’, ma l’espressione di una accorata supplica da parte dei tanti innamorati che mi hanno scritto“.

Per il sindaco di Messina il ‘passaporto degli innamorati’ potrebbe risolvere la questione, “garantendo lo stesso la salute sia dei cittadini calabresi che di quelli siciliani”. L’obiettivo è consentire di attraversare lo Stretto “con assiduità non solo a chi è pendolare per ragioni di lavoro ma anche a chi lo è per questioni di cuore”.

“La mia non è una facezia ma una simpatica proposta, con la quale spero di potere coniugare le ragioni del diritto con quelle del cuore – conclude De Luca -. Proprio con tale sentimento mi permetto di offrirle un simbolico mazzolino di fiori che ho raccolto stamattina nelle campagne del mio paese e che mi auguro saprà accettare con la stessa semplicità con la quale io glielo offro, anche se solo virtualmente”.