Potente ondata di caldo in Israele: spiagge affollate nonostante le restrizioni per il Coronavirus [FOTO]

Migliaia di persone hanno fatto il bagno in mare e preso il sole sulle spiagge d'Israele nonostante le limitazioni a causa di una forte ondata di caldo

/
MeteoWeb

Migliaia di persone hanno affollato le spiagge d’Israele nel corso del weekend nonostante le restrizioni a causa della pandemia di coronavirus mentre il Paese fa i conti con una potente ondata di caldo. Israele ha gradualmente allentato le restrizioni sulle attività all’aperto, ma le spiagge avrebbero dovuto riaprire formalmente solo mercoledì 20 maggio. Molte persone hanno fatto il bagno in mare e preso il sole sulle spiagge (vedi foto della gallery scorrevole in alto, a corredo dell’articolo), nonostante sia vietato dalle regole. In alcune spiagge dell’area di Tel Aviv, ai bagnanti è stato ordinato di uscire dall’acqua attraverso gli altoparlanti, sottolineando che stavano infrangendo le regole, riporta The Times of Israel.

Un residente ha dichiarato: “È strano, puoi sederti sul lungomare ma non sulla sabbia. È delirante. C’erano agenti e ci hanno detto che non potevamo sederci sulla sabbia e questo ci ha fatto radunare e riempire il lungomare. Ci hanno chiesto sol di indossare le mascherine”. Un altro bagnante ha aggiunto che c’erano agenti sulla spiaggia a Tel Aviv, ma che non sembrava stessero imponendo le regole: “Se siamo a due metri di distanza, qual è il problema? Ci sono molte persone e tutti si atterranno alle regole e tutto sarà fantastico. Mi sto divertendo molto. Questa è la prima volta che ritorno al mare e possono respirare di nuovo”. Inoltre, con ristoranti e bar chiusi, la gente ha gremito le piazze, le vie e i parchi della città, con pochi interventi per regolare il distanziamento sociale da parte della polizia, riporta ancora The Times of Israel.

Si prevedono temperature roventi in Israele in questa settimana. Si potrebbero raggiungere i +43°C a Beit Shean, +41°C ad Afula e Beersheba, +36-37°C a Gerusalemme e Tel Aviv e +34°C a Safed, con punte di +45-46°C nei prossimi giorni.

Finora Israele ha registrato 16.621 casi totali e 272 morti, con solo 4 nuovi casi giornalieri e zero decessi nelle ultime 24 ore. Con il continuo calo delle infezioni, il governo ha ridimensionato sempre di più le restrizioni di contrasto all’epidemia, aprendo alcune scuole e molte aziende e si sta lavorando ad altre misure di questo tipo.

Coronavirus, “il meteo è il principale fattore per la diffusione e la letalità della pandemia”: tutti i dati che confermano l’effetto di caldo e umidità [DETTAGLI]

Coronavirus, intervista a Pasquale Mario Bacco: “il contagio dipende solo dal clima”. Ecco perche? il Sud si e? salvato e il Governo ha sbagliato strategia