Clima: in Asia sempre più caldo estremo e picchi di smog

Inquinamento e caldo estremo: questo è ciò che aspetta l'Asia meridionale da qui al 2050

MeteoWeb

Inquinamento e caldo estremo: questo è ciò che aspetta l’Asia meridionale da qui al 2050. E’ quanto emerge da uno studio della Texas A&M University che ha pubblicato i risultati del proprio lavoro sulla rivista scientifica Agu Advances. Nell’analisi sono stati presi in considerazione Afghanistan, Bangladesh, Bhutan, India, Myanmar, Nepal e Pakistan.

Le occorrenze delle temperature estreme aumenteranno la loro frequenza del 75% entro il 2050, con un incremento da 45 giorni all’anno a 75. Sempre entro lo stesso anno aumenteranno la loro frequenza (del 175%) anche i giorni in cui ci saranno picchi di caldo estremo e picchi di polveri sottili nell’aria.

L’analisi ha anche notato come la parte di territorio esposta a prolungati giorni di questi picchi di caldo e polveri sottili aumenterà di oltre dieci volte nel 2050. Secondo i ricercatori gli aumenti previsti di umidità e temperatura causeranno uno stress termico estremo per la popolazione dell’Asia meridionale, dove si prevede che la popolazione arriverà a 2 miliardi entro il 2050.