Coronavirus, infettivologo: “I raggi ultravioletti un po’ lo uccidono e il caldo fa seccare prima le goccioline che emettiamo quando parliamo”

"Il rischio che nell'autunno il virus riprenda vigore è molto alto", secondo Massimo Andreoni, direttore scientifico della Società italiana malattie infettive

MeteoWeb

Una seconda ondata è possibile, dovrebbe essere subito dopo l’estate. Il rischio che nell’autunno il virus riprenda vigore è molto alto“: lo ha affermato Massimo Andreoni, direttore scientifico della Società italiana malattie infettive, ospite ad Agorà su Rai3. “I raggi ultravioletti un po’ lo uccidono e il caldo fa seccare prima le goccioline che noi emettiamo quando parliamo, cadono prima e tendono ad infettare meno. Un fatto molto meccanico, fisico“.
Le immagini della movida mi preoccupano molto, si sta facendo quello che non si deve fare e così rilanciamo il virus“.
Il virus che perde forza? “Non ci sono evidenze scientifiche in tal senso – risponde Andreoni – singoli casi sono interessanti ma non fanno la regola, il virus resta estremamente pericoloso“.