Coronavirus, in Germania iniziano a riaprire bar e ristoranti: prime persone sedute ai tavoli all’aperto [FOTO]

Iniziano a riaprire bar e ristoranti in Germania nel tentativo di risollevare l'attività economica: ecco le immagini dalla Bassa Sassonia

  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
  • Foto di Stuart Franklin / Getty Images
    Foto di Stuart Franklin / Getty Images
/
MeteoWeb

Segni sul pavimento per indicare le distanze da mantenere tra tavoli e sedie e prime persone sedute ai tavoli all’aperto nel primo giorno in cui ristoranti e bar in Germania hanno potuto riaprire dopo la crisi coronavirus. Le immagini della gallery scorrevole in alto, a corredo dell’articolo, arrivano dalla Bassa Sassonia, precisamente dalla città di Luneburgo. I governi locali tedeschi possono seguire le proprie tabelle di marcia nella riapertura di bar e ristoranti. I tentativi fanno parte di un attento allentamento delle restrizioni per tentare di risollevare l’attività economica, monitorando allo stesso tempo i tassi dell’infezione.

Nelle ultime 24 ore, 933 persone sono risultate positive e si sono registrati 116 decessi, secondo il bilancio pubblicato oggi dall’Istituto Robert Koch. Si tratta di un netto aumento rispetto ai 22 decessi e i 357 contagi del bilancio di ieri. Il totale dei casi ora è a 170.508 e il numero dei morti è 7.533.

Il tasso di contagio R0 è all’1,07: tale indice, tenuto sotto controllo e risalito dal weekend, può oscillare molto – ha precisato il vice presidente dell’istituto Robert Koch, Lars Schaade – reagendo fortemente ad alcuni focolai che possono influenzarlo più della circostanza che i numeri complessivi siano ridotti. “Se restasse a lungo sopra il valore di 1 significherebbe che il contagio è esponenziale“, ha affermato l’esperto rispondendo a una domanda in conferenza stampa.

La seconda ondata dell’epidemia del Coronavirus si può evitare se ci comportiamo in modo ragionevole: questo è il messaggio. Dobbiamo evitare che si formino nuove catene di contagio“: lo ha affermato o ha detto il vice presidente dell’istituto Robert Koch, Lars Schaade, in conferenza stampa a Berlino, invitando a continuare a mantenere il distanziamento sociale, e a evitare il più possibile i contatti restando a casa. “Il virus non è stato ancora eradicato in Germania“.

Il land più colpito è la Baviera, con 44.593 casi e 2.182 decessi, seguito da Renania Nord-Westfalia, 35.333 positivi e 1.456 morti, e Baden-Wurtemberg, 33.359 contagi e 1.568 morti. A Berlino si sono registrati 6.274 casi e 165 morti.