Coronavirus, la Germania pensa alla carta di immunità: aiuterebbe a gestire i gruppi vulnerabili e le misure di protezione

Il governo tedesco prevede di introdurre una carta di immunità che, come la carta di vaccinazione, potrebbe dimostrare che la malattia Covid-19 è stata superata

MeteoWeb

In Germania, dove oggi hanno riaperto anche parrucchieri e barbieri, il governo prevede di introdurre una carta di immunità che, come la carta di vaccinazione, potrebbe dimostrare che la malattia Covid-19 è stata superata. Tuttavia, non mancano i dubbi. Il prerequisito per l’introduzione di un simile documento è che esistano prove scientifiche che dimostrino che esiste un’immunità dopo un’infezione da coronavirus e che una persona guarita non può più infettare nessuno, ha affermato il ministro federale della sanità Jens Spahn (CDU). Ma al momento non ci sono ancora: secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, non esistono ancora prove affidabili dell’immunità.

La legge afferma che l’immunità “può essere utilizzata per trarre conclusioni di vasta portata su come gestire misure di protezione e gruppi vulnerabili di persone“. Se si giunge alla conclusione che le persone sono immuni da una malattia, un documento di immunità renderebbe le cose più facili “in molti luoghi“, ha detto Spahn. I cittadini potrebbero “svolgere determinate attività” più facilmente. La legge sulla protezione delle infezioni consente allo stato di obbligare le persone contagiose o “sospettate” a mettersi in quarantena o “a non entrare in determinati luoghi o luoghi pubblici o solo a entrarvi a determinate condizioni”.