Coronavirus, Zaia: “Accordo con 3 regioni, ok allo spostamento per i parenti”

"Ci si può muovere per vedere i congiunti nelle province venete che confinano con il Friuli Venezia Giulia, l'Emilia Romagna e la Provincia di Trento"

MeteoWeb

“Ci si può muovere per vedere i congiunti nelle province venete che confinano con il Friuli Venezia Giulia, l’Emilia Romagna e la Provincia di Trento.” Lo ha annunciato il presidente del Veneto, Luca Zaia, spiegando che l’accordo, fatto con i presidenti dei tre territori interessati, prevede “con l’autocertificazione di poter uscire dal Veneto per incontrare parenti, fidanzate/i”.

La possibilità di uscire era già contemplata per motivi di lavoro e di salute. Ora questa ulteriore possibilità che riguarda la provincia di Treviso con quella di Pordenone, Venezia con quelle di Udine e di Pordenone, e Belluno con quelle di Udine e di Trento.

Via libera agli spostamenti interregionali fra le confinanti province di Ferrara e Rovigo per far visita ai congiunti. Di questa possibilita’ i presidenti delle Regioni Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, e Veneto, Luca Zaia, hanno informato i prefetti di Ferrara e Rovigo, chiedendo la collaborazione delle forze di polizia. Bonaccini e Zaia ricordano che “la decisione è stata assunta in ragione della positiva evoluzione dello stato epidemiologico, e a fronte dell’esigenza manifestata da numerosi cittadini residenti nelle due province”.

Ferrara e Rovigo sono stati due dei territori meno colpiti dall’emergenza Covid. Per questi spostamenti extra confini regionali, sarà comunque necessaria una autocertificazione, nella quale dovranno essere motivate le ragioni dell’attraversamento del confine regionale.