Previsioni Meteo Estate, la tendenza di AccuWeather: stagione calda e secca in Italia con rischio di oltre +40°C al Nord, maltempo estremo nel cuore dell’Europa

Caldo intenso in estate per parte dell'Europa, mentre altre zone dovranno prepararsi al rischio di violente tempeste e incendi: la tendenza stagionale di AccuWeather

MeteoWeb

Previsioni Meteo Estate – Manca solo un mese all’inizio dell’estate e i meteorologi di AccuWeather, autorevole centro meteorologico statunitense, hanno pubblicato le loro previsioni per la stagione in Europa. L’estate inizierà ufficialmente il 20 giugno: per parte del Vecchio Continente, la nuova stagione porterà un caldo intenso, mentre altre zone dovranno prepararsi al rischio di violente tempeste e incendi. “Ci sono due grandi cose che stanno svolgendo un ruolo nelle previsioni: il marzo e l’aprile molto piovosi in gran parte della Penisola iberica e le condizioni asciutte dal Regno Unito meridionale all’Ucraina”, ha spiegato Tyler Roys, meteorologo di AccuWeather. Ecco la tendenza stagionale delineata dal centro statunitense.

Dalla Francia meridionale all’Ucraina

Condizioni calde e asciutte prevarranno sulla maggior parte dell’Europa meridionale, Italia inclusa, nei prossimi mesi, portando alcune preoccupazioni, soprattutto per gli agricoltori. “Questo potrebbe portare temperature di +37-42°C in parti del Nord Italia e nelle valli dei Balcani diverse volte o per un prolungato periodo di tempo. Questa sarebbe la terza estate di fila per parti della Francia orientale e della Germania occidentale in cui si avranno condizioni di siccità. Questo, a sua volta, porta bassi livelli d’acqua per il Reno”, ha spiegato Roys. Qualsiasi ondata di caldo tardiva, inoltre, potrebbe influenzare anche il Tour de France, posticipato al 29 agosto a causa della pandemia di coronavirus.

Più ad est, le scarse precipitazioni hanno causato lo sviluppo e l’espansione di condizioni di siccità, soprattutto in Ucraina. Gli agricoltori in Ucraina stanno già accusando il colpo con il Paese che ha perso il 2,6% di tutte le coltivazioni invernali a causa di condizioni eccezionalmente secche. Gli agricoltori che si basano sulla stagione estiva potrebbero affrontare perdite a causa delle precipitazioni sotto la norma previste da AccuWeather.

Spagna e Portogallo

Alcune aree della Penisola Iberica hanno registrato il doppio delle loro precipitazioni normali nel mese di aprile, sottolinea AccuWeather, ma il pattern piovoso che ha caratterizzato la maggior parte della primavera su Spagna e Portogallo lascerà spazio alle tipiche condizioni dell’estate. “Farà prevalentemente caldo su gran parte della Spagna e del Portogallo e sarà prevalentemente asciutto, ma ci saranno ancora i tradizionali temporali estivi che appariranno occasionalmente, principalmente sulle aree di montagna”, chiarisce Roys. Tuttavia, le piogge della primavera potrebbero avere implicazioni durante la seconda metà dell’estate. Uno dei benefici delle recenti piogge è che hanno contribuito a riempire le riserve d’acqua dell’area, ma hanno anche favorito una maggiore crescita di vegetazione, che seccherà con il caldo estivo. “Questo potrebbe tramutarsi in una stagione degli incendi più pericolosa”, ha aggiunto Roys.

Francia, Germania e Polonia

Il caldo sull’Europa occidentale è solo parte della storia. Le comunità dalla Francia settentrionale alla Polonia settentrionale faranno i conti con tempeste potenzialmente distruttive. “La Francia centrale e settentrionale, la Germania e la Danimarca saranno il punto di scontro tra le condizioni calde e secche e i fronti freddi in movimento con una traiettoria delle tempeste appena a nord-ovest delle Isole Britanniche”, spiega Roys. Parigi, Praga, Bruxelles, Berlino e persino Varsavia sono alcune delle grandi città incluse nella zona che potrebbe essere caratterizzata dal forte maltempo. “Per le forti tempeste, è in programma di tutto: grandine, venti distruttivi, alluvioni lampo e tornado”, aggiunge Roys.

Ma l’estate per quest’area potrebbe iniziare all’insegna di condizioni asciutte. Il grosso del maltempo, infatti, dovrebbe verificarsi a luglio e all’inizio di agosto. Queste tempeste contribuiranno a limitare le preoccupazioni di siccità che affronteranno le aree più a sud, ma la pioggia sarà un’arma a doppio taglio. Le tempeste più forti, infatti, saranno in grado di scaricare la quantità equivalente di un mese di pioggia in un solo giorno, provocando alluvioni localizzate, spiega Alan Reppert, meteorologo di AccuWeather.

Dalle Isole Britanniche alla Norvegia

Regno Unito Gran BretagnaEstate instabile in vista per le Isole Britanniche con periodi piovosi che contribuiranno a limitare il potenziale per prolungati periodi di temperature sopra la media. “La maggior parte dei sistemi che arriveranno porterà periodi di pioggia, principalmente sulla metà settentrionale dell’Irlanda fino alla Scozia nordoccidentale. Ci saranno temporali occasionali sulle Isole Britanniche, che potrebbero produrre alluvioni lampo, venti distruttivi e grandine di piccole dimensioni”, precisa Roys. La pioggia raggiungerà anche la Norvegia, ma risparmierà il resto della Scandinavia. Roys ha aggiunto che durante le finestre senza pioggia, le temperature potrebbero salire oltre la media. “Non possiamo escludere impulsi di calore come quelli che abbiamo visto nelle recenti estati, quando in 1-2 giorni, le temperature cercano di raggiungere i +32°C a Londra e i +27°C a Manchester”, spiega Roys. Il caldo, tuttavia, non dovrebbe raggiungere i livelli estremi dello scorso luglio.

Svezia, Finlandia e stati baltici

incendi sveziaLe condizioni meteorologiche più tranquille quest’estate sono attese sulla Scandinavia e sull’area baltica. La pioggia dei sistemi in arrivo dal Mare del Nord bagnerà l’area solo occasionalmente, con le precipitazioni che “saranno prevalentemente vicino o leggermente sotto la norma”, dice Roys. Le condizioni saranno tipicamente calde per tutta l’estate con qualche opportunità che le ondate di caldo dell’Europa sudorientale si espandano verso la Scandinavia. Ma i meteorologi di AccuWeather avvisano che le ondate di caldo attese abbinate alle frequenti piogge potrebbero essere la ricetta per un disastro.

Gli incendi sono stati una minaccia un paio di estati fa e potrebbero esserlo di nuovo quest’anno in tarda stagione se condizioni più asciutte prevarranno sull’area”, afferma Roys. Svezia e Finlandia saranno esposte al rischio maggiore di incendi con la seconda metà dell’estate che porterà la più grande minaccia da questo punto di vista. Anche se non è prevista una stagione degli incendi devastante come quella del 2018, gli abitanti dell’area dovranno prepararsi al possibile scoppio di incendi distruttivi durante l’estate.