Alex Zanardi, il nuovo bollettino medico: “Condizioni stabili, è sedato, intubato e ventilato meccanicamente”

Stabili le condizioni cliniche di Alex Zanardi, ricoverato al policlinico Santa Maria alle Scotte

MeteoWeb

Rimangono stabili le condizioni cliniche di Alex Zanardi, ricoverato al policlinico Santa Maria alle Scotte dal 19 giugno. La terza notte di degenza in terapia intensiva è trascorsa senza variazioni. Le condizioni cliniche rimangono quindi invariate nei parametri cardio-respiratori e metabolici mentre resta grave il quadro neurologico“: è questo il bollettino delle 12 relativo all’atleta paralimpico ricoverato a Siena dopo un grave incidente in handbike.
Il paziente è sedato, intubato e ventilato meccanicamente e la prognosi è riservata. L’équipe multidisciplinare che lo ha in cura valuterà nei prossimi giorni eventuali azioni diagnostico-terapeutiche da intraprendere“.

I pazienti che sono in terapia intensiva vengono valutati dinamicamente, possono esserci novità estemporanee che si possono presentare. Periodicamente i medici si confrontano sulle condizioni del paziente“, ha spiegato il direttore sanitario dell’Aou Senese Roberto Gusinu, dopo aver letto il bollettino medico. “Non posso escludere nulla, le valutazioni neurologiche verranno fatte solo quando i clinici ne valuteranno l’opportunità dopo aver esaminato alcuni parametri, a seguito della riduzione della sedazione. Un passo che ora non è ancora il caso di fare. Ci vuole pazienza, molta pazienza“.
Gli sportivi sappiamo che, sia a livello amatoriale che agonistico, hanno un grande allenamento di conseguenza questo aiuta ciascuno di noi essendo allenato ad affrontare le situazioni difficili e quindi in questa situazione sicuramente c’è un fatto positivo,” ha proseguito Gusinu. “I peggioramenti possono essere repentini e anche molto, noi ci auguriamo che ci sia sempre un percorso progressivo di miglioramento. Sono situazioni dinamiche, il quadro più grave e neurologico e per questo bisogna avere sempre pazienza. Può essere una settimana, dieci giorni, non siamo in grado di dirlo, dobbiamo capire giorno per giorno come evolve la situazione“.

“Quella tappa non doveva neanche correrla, era solo una biciclettata tra amici”

Neurochirurgo: “L’ipotesi estrema? Potrebbe non risvegliarsi più”

Alex Zanardi in condizioni stabili: inizia una settimana chiave per la guarigione dai gravi traumi