Coronavirus, il virologo Giorgio Palù: “L’epidemia si sta spegnendo, tutte le epidemie si spengono”

Coronavirus, Palù: "Il fatto che oggi si trovi un virus che abbia una carica virale ridotta significa sicuramente che l'epidemia si sta spegnendo"

MeteoWeb

Il fatto che oggi si trovi un virus che abbia una carica virale ridotta significa sicuramente che l’epidemia si sta spegnendo. Il virus sta perdendo la sua carica ma non è vero che non c’è più rischio“: lo ha affermato il virologo Giorgio Palù, presidente uscente delle Società Italiana ed Europea di Virologia, ospite a Radio Anch’io, su Radio1 Rai.
Secondo il virologo va considerata la curva di decremento, il fatto che i casi positivi in 8 regioni ormai sono zero e nelle regioni dove il virus ancora circola tende ad azzerarsi: “Tutte le epidemie si spengono. Il virus però potrebbe anche ripartire ora, vedi la Corea, e non solo ad ottobre, basta un assembramento. Per l’autunno possiamo solo avanzare delle ipotesi, non abbiamo certezze. In rianimazione c’è sempre un rischio e non solo in relazione al Covid ma anche per gli altri batteri“.

L’estate ci aiuta“, il rischio c’è ma bisogna correrlo “valutando con attenzione il rapporto costi-benefici” e tenendo conto della situazione del sistema economico italiano, ha affermato Palù nel corso di un incontro su “Ripartenza, Territorio, Economia: dal distanziamento sociale alla ripresa in sicurezza” organizzato da Confcommercio.
Secondo l’esperto è giusto aprire “però dobbiamo far sì che in alcune regioni del Nord si prendano, dove è il caso, le dovute precauzioni come la mascherina e le attenzioni già spiegate“.
In riferimento alla ripartenza del turismo, per il virologo “la storia ci insegna che almeno nel nostro emisfero c’è uno spegnimento del virus diffuso, ad esempio in Est Europa e Russia“.