Il Solstizio d’Estate, la stella Sirio e l’inondazione del Nilo: la celebrazione del Nuovo Anno nell’Antico Egitto

La celebrazione del Solstizio d'Estate è una delle più antiche nella storia egizia: iniziava all’alba quando Sirio appariva all’orizzonte come la stella del mattino che emerge dall’oscurità degli inferi

MeteoWeb

Il 20 giugno alle 23:43 (ora italiana) scocca il solstizio d’estate che segna l’inizio dell’estate nell’emisfero settentrionale. Molte antiche culture trovavano un profondo significato nel solstizio d’estate, un momento preciso nel tempo da sempre carico di concetti religiosi e pagani. Forse la celebrazione più antica risale all’Antico Egitto.

La complessa società egizia ha progettato i suoi monumenti più famosi e suggestivi affinché fossero allineati al solstizio. Per esempio, stando in piedi davanti alla Sfinge al solstizio d’estate, il sole tramonta esattamente tra le due piramidi di Khafre e Khufu. Gli antichi Egizi costruirono anche un tempio dedicato ad Osiride che è illuminato dal sole al tramonto al solstizio che splende tra due colline vicine.

Gli Egizi celebravano il solstizio perché segnava l’arrivo della stella Sirio, che la civiltà riteneva responsabile dell’inondazione annuale del Nilo. L’inondazione era fondamentale per il sistema alimentare degli antichi Egizi, quindi i sacerdoti associavano Sirio ad una delle loro più importanti divinità, Isis. Per tutti questi motivi, il calendario degli Egizi era stabilito in modo che l’inizio dell’anno coincidesse con la comparsa di Sirio (una delle stelle della costellazione del Cane Maggiore), appena dopo il solstizio.

Questa celebrazione è una delle più antiche nella storia egizia e illustra la sua importanza fin dai tempi arcaici. Gli Egizi riconoscevano l’importanza di Sirio come stella più luminosa del cielo e come culla di Isis. Le celebrazioni liturgiche e pubbliche per il Capodanno iniziavano all’alba quando Sirio appariva all’orizzonte come la stella del mattino che emerge dall’oscurità degli inferi. Questa connessione tra Sirio, la dea e il rinnovamento dell’Egitto è rappresentata in ogni tempio e in ogni tomba dell’antico Egitto.

Antica Cina

Nell’antica Cina, il solstizio d’estate era osservato con una cerimonia per celebrare la Terra, la femminilità e le forze yin mentre quello d’inverno celebrava i cieli, la mascolinità e le forze yang. Nel corso dell’anno, i cinesi credevano che le forze yin e yang crescessero e calassero in modo inversamente proporzionale. Al solstizio d’estate, l’influenza di yang era al massimo, ma la celebrazione era centrata sull’imminente cambiamento a yin. Al solstizio d’inverno, si celebrava il cambiamento opposto.

L’Eclissi di Sole del 21 Giugno: un anello di fuoco in cielo poche ore dopo il Solstizio d’Estate

Oggi il Solstizio d’Estate, all’ora “x” la nostra stella madre apparirà sul Tropico del Cancro

Il Solstizio d’Estate ci regala le nubi nottilucenti, le più estreme e insolite sulla Terra [INFO]

Solstizio d’Estate: le sei curiosità da sapere assolutamente sul giorno più lungo dell’anno

Solstizio d’Estate 2020: il significato astronomico, leggende e curiosità sul giorno più lungo dell’anno