Uno spettacolare triangolo celeste: la Luna, Giove e Saturno si danno appuntamento nel cielo stasera

“Nella notte tra domenica 5 e lunedì 6 luglio 2020, la Luna piena e i pianeti Giove e Saturno formeranno un triangolo": Giove apparirà a destra del satellite e Saturno sopra

MeteoWeb

Il primo weekend di luglio si chiuderà con un regalo per gli appassionati di astronomia, con Giove, Saturno e la Luna che sorgeranno insieme per formare uno spettacolare triangolo celeste stasera. Il nostro satellite naturale apparirà quasi pieno mentre sorgerà insieme ai due giganti gassosi.

Nella notte tra domenica 5 e lunedì 6 luglio 2020, la Luna piena e i pianeti Giove e Saturno formeranno un triangolo. La Luna raggiungerà il suo punto più alto nel cielo per la notte nella mattina di lunedì, con Giove a destra e Saturno sopra”, spiega la NASA. Il trio apparirà nel cielo sudorientale intorno alle 22 (ora locale) e salirà più in alto nel cielo meridionale con il passare della notte. Coloro che staranno svegli fino a tardi, avranno anche la possibilità di vedere Marte brillare nel cielo orientale dopo l’1.

giove saturnoI tre corpi celesti sono abbastanza luminosi da poter essere osservati ad occhio nudo e splenderanno più di qualsiasi altra stella in quell’area del cielo. Il trio apparirà così vicino da poter rientrare nello stesso campo visivo di alcuni telescopi o binocoli. Sarà una grande opportunità per imparare ad utilizzare un telescopio poiché la Luna e i due pianeti saranno facilmente individuabili nel cielo, facendo da obiettivi interessanti da osservare. Anche con un semplice telescopio o un semplice binocolo si potranno osservare le quattro lune più grandi di Giove e gli innumerevoli crateri sulla superficie della luna. Un telescopio o un binocolo più potenti potrebbero persino permettere di vedere gli anelli di Saturno.

Giove e Saturno continueranno a illuminarsi sempre di più fino alla metà del mese, quando i due pianeti compiranno il loro approccio più ravvicinato alla Terra. Questo è il momento migliore di tutto l’anno per osservare i due pianeti prima che diventino gradualmente più tenui nel resto del 2020.