Coronavirus, l’Oms: “Il 90% dei paesi colpiti ha interrotto i servizi sanitari a causa del Covid”

"Un sondaggio dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) pubblicato oggi su 105 paesi, mostra che il 90% di questi ha subito interruzioni dei servizi sanitari" causa emergenza Covid-19

MeteoWeb

“Un sondaggio dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) pubblicato oggi su 105 paesi, mostra che il 90% di questi ha subito interruzioni dei servizi sanitari” causa emergenza Covid-19. “I paesi a basso e medio reddito sono stati i più colpiti”. A spiegarlo è stato il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, illustrando in conferenza stampa a Ginevra alcuni dei risultati della survery.

“Fino al 70% delle interruzioni ha riguardato servizi essenziali, tra cui le vaccinazioni di routine, la diagnosi e il trattamento di malattie non trasmissibili, l’ambito della pianificazione familiare e contraccezione, il trattamento per i disturbi di salute mentale e la diagnosi e il trattamento del cancro”. Dopo l’emergenza più dura, ora “molti Paesi hanno iniziato ad attuare alcune delle strategie raccomandate dall’Oms per mitigare le interruzioni del servizio, come il triage dei pazienti per identificare le priorità, il passaggio ai consulti online” nei casi in cui è possibile, “le modifiche alle pratiche di prescrizione“.

“Tuttavia – aggiunge Tedros – solo il 14% dei Paesi ha riferito di aver eliminato le tariffe a carico degli utenti”, quali ticket o tasse, “così come raccomandato dall’Oms per compensare potenziali difficoltà finanziarie dei pazienti”. “L’Oms – conclude – continuerà a lavorare con i paesi per fornire strumenti per mantenere i servizi essenziali. Per esempio sta sviluppando un ‘Centro di apprendimento per i servizi sanitari’, una piattaforma web che consentirà ai Paesi di condividere esperienze e imparare gli uni dagli altri”.