Gli incendi devastano L’Aquilano: dieci mezzi aerei e 220 uomini impegnati [FOTO]

Sono due i vasti Incendi di vegetazione che stanno interessando il Monte Omo nella frazione di Arischia e il Monte Pettino nella zona di Cansatessa, a pochi chilometri di distanza tra di loro, in provincia dell'Aquila

/
MeteoWeb

Sette canadair, tre elicotteri, 80 Vigili del Fuoco, 40 militari del IX Reggimento Alpini, 70 volontari di protezione civile, 30 dipendenti comunali e 4 pattuglie della Polizia municipale in azione da stamani sui fronti degli incendi che stanno colpendo la zona ovest dell’Aquila e che, pur essendo monitorati e controllati, destano preoccupazione tra operatori e cittadini. A censire le squadre di lavoro sul fronte c’è l’unità di crisi locale dei vigili del fuoco dei comandi di Teramo e L’ Aquila.

Il Comune ha censito, attraverso il Coc (Centro operativo Comunale) 13 famiglie a ridosso della linea del fuoco che potrebbero essere spostate in alloggi provvisori in caso di minaccia reale alle abitazioni. A fare il punto della situazione è il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, che ha appena effettuato un primo sopralluogo a Cansatessa, per poi recarsi al comando regionale dei Vigili del Fuoco. “Le energie in campo sono straordinarie e la mobilitazione è ampia e sentita. I dipendenti comunali dalle 6 hanno ripreso a lavorare sulla linea tagliafuoco – spiega il sindaco – mentre abbiamo completato il censimento delle famiglie che risiedono a ridosso dei punti critici nel caso dovesse rendersi necessaria un’evacuazione. Anche in questo caso siamo pronti a intervenire con abitazioni sostitutive. Lo sforzo è enorme e il contatto con le sale operative di Vigili del Fuoco, Regione e Prefettura è costante. Purtroppo le condizioni climatiche e il territorio impervio non favoriscono l’attenuazione del pericolo”.

In particolare sono due i vasti Incendi di vegetazione che stanno interessando il Monte Omo nella frazione di Arischia e il Monte Pettino nella zona di Cansatessa, a pochi chilometri di distanza tra di loro, in provincia dell’Aquila. I vigili del fuoco sono impegnati da due giorni con squadre a terra, rinforzi da Chieti, Pescara e Teramo e con la propria flotta aerea di Canadair ed elicotteri. Due unita’ di comando locale sono sul posto per coordinare le operazioni. Sul Monte Omo sono 40 i vigili del fuoco che stanno operando a terra con il supporto aereo di 2 Canadair, un elicottero Erickson S64 e un elicottero AB412. Sul fronte di fuoco del Monte Pettino sono al lavoro dalla 14 di ieri 25 vigili del fuoco con 5 Canadair, oltre a un elicottero della Regione Abruzzo. Non sono segnalate criticità per le abitazioni nelle aree coinvolte dalle fiamme.