Coronavirus, arriva la svolta: secondo uno studio i cani possono individuare persone positive, i dettagli

Il coronavirus scovato dai cani da fiuto: arriva un'importantissima svolta! La ricerca che potrebbe cambiare i controlli negli aeroporti

MeteoWeb

Arriva una svolta importantissima legata al coronavirus: secondo uno studio sarà possibile ‘scovare’ persone contagiate non solo sottoponendosi al tampone. Secondo il dottor Riad Sarkis, dell’università St. Joseph di Beirut, i cani da fiuto, addestrati ad annusare l’odore dei campioni di sudore umano, possono scovare il nuovo coronavirus dal 98% al 100% dei casi. Una scoperta che potrebbe essere utilissima soprattutto negli aeroporti per individuare persone positive al Covid-19.

cani da fiuto
foto di Bryan Thomas/Getty Images

Tutto e’ nato dalla constatazione che i reparti Covid hanno un odore particolare e il fiuto dei cani ce lo ha confermato. Nei test, infatti, il cane fiuta diversi campioni di sudore umano affiancati: nei casi negativi si avvicina al successivo campione, mentre nei casi positivi si ferma davanti allo stesso campione, avvertendoci della positivita’“, ha spiegato Sarkis alla BBC.

Con i test standard, ha osservato il ricercatore, “abbiamo un’attendibilita’ del 70%. Con questi quasi del 100%“. “Sono cani atletici con un’elevata resistenza. Sono veramente efficaci nello scovare il virus, e nel distinguere tra casi positivi e casi negativi“, ha spiegato l’addestratore di cani David Berceau, preparatore di una femmina di pastore belga.

cani da fiuto
foto di Spencer Platt/Getty Images

La squadra di ricerca sta lavorando sodo per dimostrare l’efficacia dello studio, addestrando 20 cani delle autorità libanesi da utilizzare in un test all’aeroporto di Beirut. Uno studio che potrebbe dare una svolta importantissima, diffondendo questa nuova pratica in tutto il mondo.